Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta, le janare e il Diavolo Maiale.

Tra i vicoli del centro storico di Napoli si celano ancora oggi antiche leggende: una di queste riguarda l’edificazione della Chiesa di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta, le janare e il Diavolo Maiale.

Nella zona più antica della città fondata dai Cumani a cavallo tra il VI e il V secolo a.C. dove, secondo le testimonianze archeologiche, si accedeva al tempio di Artemide greca, la dea Diana, signora delle selve,  protettrice delle donne, degli animali selvatici, della caccia e custode della verginità.

Il culto di Diana, era riservato solo alle donne, che invocavano la dea per ottenere parti non dolorosi. Gli uomini poco tolleravano il suo culto poiché molte donne, pur di evitare matrimoni infelici, preferivano votarsi alla Dea e offrirle la loro castità. Le ragazze divenute sacerdotesse furono poi appellate in maniera dispregiativa col nome Dianare o Janare (sacerdotesse di Diana).

In epoca Paleocristiana, tutte le donne che si dedicavano all’antico culto della dea furono accusate di stregoneria, bollate come serve del Demonio e bandite dalla città . Il culto della dea Diana era tanto forte che nel 553 d.C il vescovo Pomponio, per contrastarlo, fece edificare una chiesa dedicata alla Madonna: Santa Maria Maggiore. Egli iniziò a raccontare che la Vergine Maria gli era apparsa in sogno chiedendo di edificare la chiesa solo dopo aver trovato una pietra di marmo celata sotto al terreno e avvolta in un panno di colore celeste. Questa pietra aveva il potere di concedere l’indulgenza a coloro che la baciavano.  La Madonna gli spiegò che la Basilica avrebbe contrastato la presenza del diavolo che, sottoforma di maiale, compariva tutte le notti nella zona compresa tra Piazza Miraglia e il centro antico, spaventando con il suo grugnito infernale i residenti e cercando di insinuarsi nelle loro vite. Secondo gli abitanti del luogo, questa presenza malvagia era legata ai vecchi resti del tempio di Diana, dove alcune donne (considerate streghe) per il desiderio di vendetta della dea, consegnarono la città l’orribile maiale

Fu così che ogni anno nel mese di maggio per ricordare l’intervento prodigioso della Madonna che esorcizzò il male, scacciando per sempre il diavolo maiale che l’abate di Santa Maria Maggiore sgozzasse nel Duomo di Napoli, una grossa scrofa offerta dai fedeli (simbolo del male) e destinare il suo prodotto, la porchetta, all’Arcivescovo della città. In questo modo si sarebbe consumato il rituale esorcizzante del bene sul male. Questa festa continuò fino al 1625, anno in cui fu deciso di abolirla perché ritenuta indecorosa e pagana. Per quanto riguarda, invece, il nome della Basilica (“della Pietrasanta”), secondo alcuni deriverebbe da una porzione di roccia su cui era stata scolpita l’immagine della Madonna, ritrovata dal Vescovo Pomponio sul luogo dove stava per sorgere il santuario a lei dedicato. Secondo altri farebbe riferimento a una pietra, forse in marmo, su cui era incisa una croce e custodita nella chiesa: pare che chiunque la baciasse, avrebbe ottenuto l’indulgenza da tutti i peccati. Questa pietra, però, non è mai stata ritrovata

Please follow and like us:

Biografia Luciana Pasqualetti

Luciana Pasqualetti
Fiorentina di nascita ma napoletana con il cuore. Appassionata di cucina, storie e racconti su Napoli. Entusiasta per tutto ciò che è antico, non disdegnando il nuovo. Ama la puntualità e non sopporta l'approssimazione.

Check Also

Auguri al Gran Caffè Gambrinus per i suoi 160 anni di storia!

Il 12 Maggio 1860 nasceva a Napoli il Gran Caffè Gambrinus. Sito in via Chiaia, …