01

Senzalinea intervista Johndelux!

– ENGLISH VERSION HERE! – 

– 日本語版はこちら!- 

Oggi Senzalinea ha il piacere di intervistare il fotografo e filmmaker Johndelux!

Ciao Giovanni, iniziamo subito con le presentazioni!

Ciao. Mi chiamo Giovanni De Luca (in arte johndelux), sono di Napoli e venni dato alla luce nel lontano 1974. Sono un programmatore informatico, sposato con Ketty e padre di Giulia e Raffaele. Ho diverse passioni ma quella più grande, negli ultimi tempi, è sicuramente la fotografia.

Sei molto conosciuto nel mondo della fotografia, quando hai capito che avrebbe avuto un ruolo così importante della tua vita?

In verità lo sto capendo solo adesso che mi hai posto la domanda. Non avrei mai immaginato che potesse avere un ruolo così importante nella mia vita e soprattutto che i miei scatti potessero piacere ad altre persone. Fotografare mi rilassa e mi diverte, motivo per cui lo faccio veramente con passione! Naturalmente, dietro a questa passione, c’è comunque un gran lavoro che va dalla preparazione dello scatto alla post produzione.

Come ti sei avvicinato al mondo cosplay?

Ti dirò…mi sono avvicinato al mondo Cosplay per caso. Non ero mai andato ad eventi del genere e, solo nel 2018, ho deciso di parteciparvi per la prima volta. Il mio ‘battesimo’ l’ho avuto proprio al Comicon.

E’ stata un’emozione unica e si respirava un’aria di magia. C’era tantissima gente, volevo fotografare tutti quei fantastici costumi ma avevo timore di essere troppo invadente.

Non è stato facile ma, a fine giornata, sono riuscito a portare a casa, circa 500 scatti e parecchi contatti anche se, non ti nascondo, con molta difficoltà.

E’ stata una delle giornate più belle della mia vita. Sono stato un anno a pensare al Comicon e non vedevo l’ora che iniziasse l’edizione successiva. Per ingannare l’attesa, visto che avevo un anno di tempo, mi sono documentato su questo genere, ho preso altri contatti e mi sono preparato analizzando le difficoltà che avevo avuto la volta precedente.

Ho affrontato il Comicon 2019 in maniera totalmente diversa. Vista l’esperienza passata, avevo preso coraggio e organizzato parecchi appuntamenti per ‘mini set’ fotografici. Ero ‘armato’ di biglietti da visita, avevo una nuova attrezzatura fotografica ma, soprattutto, mi ero mimetizzato….ero in cosplay (o presunto tale) in modo da non spaventare e avvicinarmi alle mie ‘prede’. Il mio primo cosplay è stato quello di Peter Parker e la macchina fotografica completava il mio costume.

“Da grandi poteri derivano grandi responsabilità” direbbe mio zio Ben per cui la mia responsabilità sarebbe stata quella di consegnare gli scatti ai ‘legittimi proprietari’. In 4 giorni di fiera, avevo portato a casa la bellezza di circa 3600 scatti ma il mio lavoro non era ancora terminato perché dovevo elaborarli e pubblicarli.

Ritornando a quei giorni, mi ricordo ancora l’entusiasmo, l’adrenalina, le corse forsennate da un punto all’altro della fiera per raggiungere le persone da fotografare, i piedi e le mani doloranti a fine giornata. Ripeto…è stata un’esperienza stupenda sia sotto l’aspetto professionale che quello umano. Ho conosciuto tantissimi artisti fantastici e con alcuni di essi è nato un rapporto di amicizia.

A Quale fiere hai partecipato fino ad oggi

Come ti dicevo ho iniziato solo nel 2018 con il Comicon. Da allora non sono riuscito più a smettere per cui ho partecipato ad altre fiere, sempre in qualità di visitatore/fotografo, quali il Fantasy Day, il FantaExpo, il Romics e la prima edizione del Napoli Horror Festival (instagram @napolihorror). Ricordo che a quest’ultima fiera avevo partecipato, vista la stupenda location ed essendo un evento unico nel suo genere, anche per fare qualche scatto a Fabio Picariello nei panni del clown Pennywise (IT 2017) e a Ciro Bartiromo (Pennywise – IT 1990). Ti racconterei tutti i dettagli ma ti dico solo che fu una serata incredibile nella quale entrammo in contatto con tante persone del mondo dello Spettacolo (un grazie immenso va anche a Maria Chiara Palladino per il suo supporto).

Devo dirti quindi che, tirando le somme, sono state tutte fiere fantastiche soprattutto perché ho avuto l’occasione di incontrare tanti amici, conoscere nuove persone e, naturalmente, per fotografare. Tra questi eventi, quello che ho però nel cuore è sicuramente il Comicon perché da lì è iniziato il mio percorso di crescita.

Durante quest’anno ho ricevuto molte soddisfazioni in ambito fotografico. Una mia foto scattata a Pietro Franceschini, in occasione del Romics 2019, è stata scelta dal l’associazione OWSS SASS Italy ASD (Old West Shooting Society – https://www.owss.eu) per la campagna campagna di promozione e marketing per il 2020. La mia soddisfazione più grande resta però quella di essere stato contattato da Antonio di Napoli, presidente di KC Group (https://facebook.com/kcgroupnapoli) , per entrare a fare parte del team come fotografo ufficiale già dall’edizione 2020 del Comicon; purtroppo, vista l’emergenza sanitaria, sia il Comicon che le altre fiere sono stati rinviati per cui, per i miei scatti, bisognerà aspettare ancora un poco.

C’è qualche  differenza tra la fotografia cosplay e quella più “classica?”

Ti dirò, rispetto alla fotografia “classica” e, parlo del ritratto, non ti saprei dire quali sono le reali differenze. Non sono ancora un esperto visto che faccio foto cosplay da circa 2 anni ma alla fine credo si tratti fondamentalmente di utilizzare i 3 parametri di scatto, quali tempo di esposizione, diaframma e iso, e conoscere/studiare i personaggi che si ha intenzione di fotografare.

Credo che, in questo genere fotografico, sia importante valorizzare il lavoro di preparazione dei vari artisti sia dal punto di vista dei costumi, del makeup che dell’interpretazione.

Curiosando sul tuo sito ho scoperto altre passioni tra cui fumetti e musica, ti va di parlarcene?

Certo che mi va di parlarne. Con la musica ho un buon rapporto e mi aiuta a rilassarmi. Mi piace cantare, suonare e strimpello 3 strumenti (tastiera, chitarra e sax). In passato mi è capitato di comporre, durante un periodo molto creativo, qualche canzone e per le quali, per gioco, realizzai con un amico la copertina di un CD (ma senza CD). Prima di scrivere qualche canzone ‘seria’ che è stata frutto di delusioni amorose ne ho scritte alcune più leggere e ‘demenziali’. Se ne avrò modo, te ne farò ascoltare qualcuna così mi darai un giudizio o, eventualmente, mi manderai da un buon psicologo.

Parlando di fumetti, invece, ho sempre avuto la passione per il disegno e da questa passione è nato il mio personaggio dei fumetti, Johndelux. Così come Geppetto creò con un pezzo di legno il suo Pinocchio, io creai con inchiostro a china e un foglio di carta il mio ‘Chinocchio’. Alcune storie a fumetti le trovi sul mio sito mentre altre le devo ancora pubblicare per cui ti invito a tornare a visitare la mia pagina.

Ho anche notato che in passato hai collaborato con i fratelli Katano, puoi parlarci di questa tua esperienza?

Sì, con i Fratelli Katano (www.youtube.com/user/FratelliKatano) realizzammo un piccolo video musicale a fumetti, “Peppe Brescia”, che puoi trovare su Youtube. Giuliano Castaldo, uno dei Fratelli Katano, è un mio collega che mi coinvolse in questo progetto. Io mi occupai dei disegni, mentre della musica e del montaggio se ne occuparono Giuliano e l’altro fratello Katano, Ferdinando Carcavallo. Nel mondo Katano ho fatto solo una semplice apparizione ma sono loro i veri artisti. Sono entusiasta del lavoro che è stato realizzato e, non ti nascondo, che mi piacerebbe collaborare nuovamente per qualche altro progetto. Di idee ne ho tantissime e sicuramente loro sarebbero in grado di darmi una mano a realizzarle.

Parliamo del tuo ultimo progetto UNCHARTED: The cave of Sibyl

Mi aspettavo questa domanda. Uncharted è videogame della Naughty Dog a cui ho giocato sulla Playstation. Penso che tutti conoscano Nathan Drake, il personaggio principale. Il progetto non sarebbe mai nato se non avessi incontrato, durante l’edizione del Comicon 2019, Ivan Esposito che portò il cosplay proprio di Nathan Drake. Con lui realizzammo un piccolo set all’interno della Mostra d’Oltremare e, per alcuni scatti mi sono letteralmente dovuto arrampicare su dei muri per poter effettuare scatti dall’alto e da prospettive diverse proprio per cercare di realizzare alcune scene del gioco. Quel giorno ci siamo divertiti tantissimo e nella mia mente è balenata l’idea di realizzare un set in alcune location ad hoc. Da questa idea è nato UNCHARTED: The cave of Sibyl, un progetto autofinanziato e, ci tengo a precisarlo, non a scopo di lucro.

Puoi parlarci della realizzazione del video?

Mi ricordo che facemmo le riprese ad inizio Gennaio 2019. Delle riprese e del montaggio se ne occupò un mio collaboratore, Gianni Sposito (Facebook/Instagram)mentre io mi occupai della fotografia. Ivan Esposito era il mio Nathan Drake mentre Francesco Delogu era Victor Sullivan, altro personaggio del videogame e grande amico di Nathan. Ne approfitto per ringraziare mia figlia Giulia che ci ha supportato durante il set e che è stata fondamentale per la realizzazione del progetto. Abbiamo girato le scene, molte delle quali improvvisate, in una sola giornata con un’attrezzatura minimale e mobile.

Si tratta di un episodio  pilota di un progetto più articolato?

Sicuramente si tratta di un progetto pilota che ci è servito per capire se poteva essere di gradimento al pubblico. Diciamo che, in poco tempo, abbiamo superato le 1000 visualizzazioni su Youtube per cui credo che sia andato molto bene e abbia superato le nostre aspettative. Prevediamo di realizzare una web serie a cui spero possano collaborare altre persone per rendere il progetto molto più interessante e completo e soprattutto con una sceneggiatura. Non sarebbe male se riuscissimo a trovare uno sponsor giusto per finanziare le spese visto che per il momento si è trattato di un progetto autofinanziato. Abbiamo già in cantiere una serie di idee per cui credo che ne verrà fuori un lavoro interessante.

Tornando al cosplay, durante l’ultimo Fantasy Day ti sei divertito ad interpretare Heisenberg da BB, ma quanto ti sei divertito?

Ad interpretare il personaggio di Heisemberg (Walter White), che sia avvicina molto alla mia fisionomia, mi sono divertito tantissimo. Avevo anche apportato alcune migliorie al cosplay, soprattutto nei dettagli rispetto a quando lo portai nella terza giornata del Comicon 2019. Diciamo che, nel mio caso, per interpretare Walter White è bastata una camicia e un pantalone e saper ‘cucinare’ (chi ha visto la serie sa cosa intendo).

Mi sono talmente immedesimato nella parte che ho deciso di partecipare alla gara cosplay, targata KC Group, presentata dai bravissimi Alfredo Florio e Raffaela Di Napoli (Miriel Montague). Esperienza unica!!!

Quale sono i tuoi prossimi progetti in ambito lavorativo?

Se come ‘lavorativo’ intendi il campo fotografico ho recentemente collaborato per la realizzazione del libroIl ricettario di Marianna” di Marianna Pascarella (Edizioni Gribaudo), già disponibile nelle migliori librerie e nei negozi online, in cui sono presenti alcuni miei scatti tra cui quello di copertina (www.ricettedalmondo.it).

Ho in mente altri progetti che, al momento, sono ‘TOP SECRET’. Se te lo dicessi poi dovrei ucciderti….naturalmente scherzo.ti dico solo che, causa COVID-19, per il momento è tutto rimandato ma ci saranno tante sorprese per il futuro e grandi collaborazioni.

Domandona finale: cosa farà Giovanni da grande?

Bravo, mi fa piacere che hai notato che sono ancora giovane e che ho tutta una vita davanti. Non so ancora cosa farò da grande ma credo che non esista un limite d’età per inseguire le proprie passioni. Da bambino dicevo che da grande avrei fatto il veterinario ma sono diventato un informatico. Sentiamoci fra qualche anno così saprai che strada avrò scelto.

Intanto ringrazio te e Senzalinea.it per avermi concesso questa fantastica intervista. A presto.

Per quanto riguarda le foto:

01 – soggetto fotografato: Giovanni De Luca (scatto di Pina Davino @nayrapic https://facebook.com/pinadavi)

02 – autoritratto: Giovanni De Luca(scatto di Giovanni De Luca)

03 – soggetto fotografato: Giovanni De Luca (scatto di Ugo Pisano https://facebook.com/leinhart.kain.1)

04 – soggetto fotografato: Giovanni De Luca (scatto di Ugo Pisano https://facebook.com/leinhart.kain.1)

05 – cosplayer fotografati: Alfredo Florio (Instagram:@alfredoflorio80) e Raffaela Di Napoli (https://facebook.com/miriel.montague) (scatto di Giovanni De Luca)

06 – cosplayer fotografato: Fabio Picariello (Instagram:@whysocosplay) – (scatto di Giovanni De Luca)

07 – cosplayer fotografato: Alfredo Florio (Instagram:@alfredoflorio80)(scatto di Giovanni De Luca)

08 – soggetti fotografati: Marianna Pascarella (Instagram: @ricettedalmondo, site:http://www.ricettedalmondo.it) e Giovanni De Luca (autoscatto)

09 – cosplayer fotografati: Giorgia D’Alessandro (https://facebook.com/giorgia.dalessandro.94) (Coco), Dario Musella https://facebook.com/dario.mater.96 (Crash) e Giovanni De Luca (Heisemberg) (Instagram: @bandicoosplay) – autoscatto

10 – cosplayer fotografato: Pietro Franceschini (Facebook: https://facebook.com/pietro.franceschini.79) (scatto di Giovanni De Luca)

11 – cosplayer fotografato: Michele D’Onofrio (Facebook: https://facebook.com/michele.donofrio.1253) (scatto di Giovanni De Luca)

12 – cosplayer fotografati: Ivan Esposito (Facebook: https://facebook.com/ivan.esposito.98) e Francesco Delogu (Facebook: https://facebook.com/francesco.delogu.50) (scatto di Giovanni De Luca)

13 – cosplayer fotografato: Massimo Lo Presti (Facebook: https://facebook.com/massimo.lopresti.16) (scatto di Giovanni De Luca)

14 – cosplayer fotografato: Cinzia J Cittadini (Facebook: https://facebook.com/ladyjokerhaha) (scatto di Giovanni De Luca)

15 – cosplayer fotografato: Maria Chiara Palladino (Instagram:@mariky_cosplay) (scatto di Giovanni De Luca)

16 – cosplayer fotografato: Vava Boh (Instagram:@psychedelic.firefly) (scatto di Giovanni De Luca)

17 – cosplayer fotografato: Luke Ran (Facebook: https://facebook.com/luca.corsi.1614) (scatto di Giovanni De Luca)

18 – cosplayer fotografato: Fabio Picariello (Instagram:@whysocosplay) – (scatto di Giovanni De Luca)

19 – cosplayer fotografato: Andrea Jack Black Meloni (Instagram:@@andreajackblackmeloni (scatto di Giovanni De Luca)

20 – cosplayer fotografato: Ciro Bartiromo(Facebook: https://facebook.com/ciro.bartiromo) (scatto di Giovanni De Luca)

Ecco, infine, tutti i contatti social di Johndelux:

.  

Our Friends:

Please follow and like us:

Biografia Danilo Battista

Danilo Battista
Appassionato sin da piccolo della cultura giapponese, è stato rapito tanti anni fa da Goldrake e portato su Vega. Tornato sulla Terra la sua viscerale passione per l'universo nipponico l'ha portato nel corso degli anni a conoscere ed amare ogni sfumatura della cultura del Sol Levante. Su Senzalinea ha cominciato a scrivere di tecnologia e di cosplay. Da diverso tempo gestisce la sezione "Nerdangolo" ma ha promesso che un giorno, neanche tanto lontano, tornerà su Vega...

Check Also

Tex #720 – Sulla cattiva strada – Recensione

La recensione dell’albo mensile N° 720 della serie regolare di Tex, Sulla cattiva strada, deve …