Allenarsi per una maratona migliora lo stato delle arterie

Il modo migliore per migliorare e ringiovanire le arterie? Secondo uno studio su alcuni atleti che si stavano allenando alla loro prima Maratona, allenandosi per sei mesi, ringiovanisce le arterie di quattro anni. Lo studio ha stabilito che i maggiori benefici si sono riscontrati su i maratoneti più anziani e più lenti. Studiandone l’andamento e l’allenamento, i medici che hanno rilevato i dati li hanno poi presentati in occasione dell’ EuroCmr 2019 di Venezia, il meeting della Società Europea di Cardiologia, che è terminata sabato 4 Maggio ed ospitato al Palazzo del Cinema.

Questo tipo di studio è stato seguito e condotto da Anish Bhuva, della famosa University College London e ha preso a campione 139 aspiranti maratoneti, fra i 21 e i 69 anni, che si sono allenati per la maratona di Londra del 2016 che del 2017. Osservando e misurdando la rigidità delle loro arterie, prestando maggiore attenzione all’aorta, il vaso maggiore che porta ossigeno ai principali distretti corporei, prima dell’inizio degli allenamenti per la maratona, che come da programma prevede una corsa media settimanale fra i 10 e i 20 chilometri e per un periodo di sei mesi, hanno ripetuto i test dopo che gli atleti hanno partecipato alla gara. La rigidità arteriosa, cioè la perdita di elasticità delle pareti dei vasi, è un chiaro segno di invecchiamento delle arterie.

Gli atleti novizi che si sono allenati per sei mesi ed hanno completato la loro prima maratona, presentavano un ringiovanimento di 4 anni delle loro arterie e una riduzione di pressione del sangue pari a 4 unità” ha spiegato Bhuva. “Questo quadro è comparable con l’effetto di terapie farmacologiche e, se mantenuto nel tempo si traduce in una riduzione del 10% del rischio di ictus per tutta la vita. Non serve essere dei grandi atleti per mantenere i vasi sanguigni giovani, i maratoneti più anziani e quelli con perfomance peggiori alla gara, sono coloro che hanno mostrato i benefici maggiori sull’età e sulla salute dei vasi sanguigni.” (Fonte Ansa)

 

Please follow and like us:

Biografia Redazione

Check Also

MALATTIA DI ALZHEIMER: UNA NUOVA SPERANZA?

Non solo il COVID-19 fa notizia, è vero che nell’ultimo anno tutta l’attenzione mediatica è …