Bulldog Inglese: da combattente di tori a “tata”

Più che un cane vero e proprio sembra un fumetto, l’espressione sfatta e imbronciata, tracagnotto e tondo, c’è chi lo ama e chi lo odia, in ogni caso il Bulldog Inglese è un cane che non lascia indifferenti, ma che in qualche modo attira sempre l’attenzione.

Origini:

Viene selezionato in Gran Bretagna (tanto da divenirne il simbolo) all’inizio del 1800 come cane da combattimento contro i tori (ecco perché il nome) e pur rientrando nella categoria dei molossoidi, ad oggi, riveste esclusivamente il ruolo di cane da compagnia.

Struttura fisica:

Il corpo pur essendo tozzo e compatto dovrebbe conservare una buona muscolatura ed atleticità, le zampe anteriori sono portate verso l’interno ed il muso è prognato con canini inferiori sporgenti conferendogli la tipica aria buffa; quello che in pochi sanno è che queste erano anche le caratteristiche cardine della propria “micidialità”: un baricentro basso e stabile che garantisse il potersi puntare e non poter essere spostato ed un morso saldo che pure in presenza di liquidi (sangue o acqua) non lasciasse la presa finchè ciò che era stato afferrato non si staccasse.

Come tutti i cani soggetti a lunga manipolazione genetica sono molto cagionevoli e bisogna sempre monitorare le problematiche respiratorie, cardiache e soprattutto non esporli mai a colpi di calore che gli potrebbero essere fatali.

L’aspetto forzatamente “ingrugnito” li rende difficilmente leggibili dagli altri cani, per questo vengono spesso attaccati o coinvolti in risse contro la loro volontà pacifica.

Carattere:

Ha un’indole dolce, e pigra che si differenzia nelle poche ore di delirio giocoso giornaliero, vengono chiamati i cani “tata” perchè particolarmente tolleranti e docili con tutti sia conspecifici che umani, in particolare dediti e pazienti con i bambini.

È il cane ideale per le famiglie, ma necessita di tempo ed attenzioni e purtroppo non gode di una vita lunghissima, che si aggira intorno ai 10 anni, ovviamente con un regime alimentare ottimale e visite veterinarie costanti potrebbe tranquillamente raggiungere il record di 15 anni.

Adozioni di Razza:

Quello che trascuriamo è la possibilità di trovare un cane di razza pur adottando, chiaramente escludiamo di trovarlo cucciolo di 2, 3 mesi o con il pedigree blasonato, per questo ci sono i rescue!

Please follow and like us:

Biografia Nicoletta Gammieri

Nasce a Napoli il 29 agosto 1984, frequenta l'Università di Medicina Veterinaria, ma la lascia per seguire nel 2006 la sua vera strada “gli Interventi Assistiti con gli Animali”diventando coadiutore del gatto e del coniglio, del cane e dell'asino. Si Forma come Educatrice Cinofila. Partecipa a numerosi progetti in strutture socio-sanitarie: Scuole, Carceri, Ospedali, Case Famiglia. A gennaio 2014 apre un negozio di Mangimi ed Accessori per gli Animali, Il Bianconiglio (totalmente contrario alla vendita di animali).

Check Also

Coste Partenopee colorate da “bottoni blu”: la “Porpita porpita

Nelle ultime settimane il web è stato invaso da foto di strani esserini trovati nelle …