Chirurgia intelligente o museo delle cere?

In questi brevi ma intensi 21 anni di vita, mia madre mi ha sempre insegnato a considerare l’intelligenza il bene più prezioso in quanto unica dote in grado di stravolgere positivamente la vita ed il futuro di una persona. Ma lo stravolgimento purtroppo riguarda spesso migliaia di celebrità che dell’intelligenza non fanno un cavallo di battaglia diventando caricature di se stesse e assumendo tutte in qualche modo dei paradossali lineamenti che fanno pensare, non so perché, a Re Leone, il protagonista del cartone animato: nelle mani di venali chirurghi plastici molti si sottopongono ad interventi invasivi e non adeguati, a volte non necessari, altre volte addirittura deleteri.
Io sono sempre stata un’accanita sostenitrice della sana medicina e chirurgia estetica poiché sono del parere che ciò che scalfisce la sicurezza in noi stessi , se si può, vada eliminato. D’altro canto credo anche che non si debba ricorrere a questi mezzi per ogni piccolezza perché spesso si tratta comunque di interventi definitivi che possono incidere sul resto della nostra vita. Si sarà capito che della medicina estetica amo l’intelligenza, la professionalità di medici che riescono a donare al corpo armonia e simmetricità senza badare a guadagni, a gusti personali e a richieste assurde.
Sicure di loro stesse, imponenti e maestose… così vediamo stelle del cinema, della moda , del calcio, e non solo, dimenticando che sotto i personaggi ci sono le PERSONE, talvolta piene di dubbi ed insicurezze e mentre c’è chi di delle sue fragilità riesce a fare un punto di forza con tanto di cappello, c’è chi ricorre ad altri mezzi per annientarle. Ma riusciranno tutti a ricorrere ai fatidici “ritocchini” senza sembrare appena usciti dal museo delle cere di Madame Tussaud? Beh, la risposta potete immaginarla…
Il medico come un’ artista ha il compito di creare opere d’arte, ma in certi casi da sale chirurgiche di tutto il mondo nascono Veneri del Botticelli in fasce, da altre meno fortunate , sembrano provenire copie affini al quadro “l’urlo di Munch”. Oltre alla professionalità dei medici, bisogna dosare qualità e quantità degli interventi e dei ritocchi sulla persona pensando al risultato finale e ad un quadro complessivo armonico e naturale che lasci integri lineamenti e personalità .


Come fossimo ad una mostra quindi, vi mostrerò celebrità che devono la carriera al dottore ed altre che al dottore devono solo una denuncia.
Sono un’amante della galanteria ed essendo questo un argomento bollente in cui spesso le donne sono il centro del mirino, partirei proprio da un uomo.
Cristiano Ronaldo, calciatore dalle formidabili qualità, anche quando appende al chiodo le scarpette pare faccia gol nel cuore di molte fanciulle a causa del suo irresistibile fascino, ma Madre Natura ed il suo fisico scultoreo non sono gli unici a cui Cristiano deve riconoscere merito… sembrerebbe infatti che abbia speso circa 50.000 euro in modifiche dell’arcata sopraccigliare, naso, capelli, fronte, muscoli naso-labiali e dentatura; Il che potrebbe apparire un abuso di chirurgia ed uno sperpero di soldi, ma se si hanno le condizioni economiche ,dati i risultati, non mi lamenterei del Bronzo di Riace che è oggi.


Dalle passerelle di Moschino, Versace e chi più ne ha più ne metta, top model di punta, se nominiamo la chirurgia non può non essere fatto il nome di Bella Hadid in tutto il suo splendore. Nonostante la genetica con lei sia stata di suo generosa ,e ne è l’esempio la sorella Gigi spettacolo solo della natura, Bella -di nome e di fatto- avrebbe fatto ricorso parecchio alla chirurgia per accaparrarsi un posto tra le modelle più pagate al mondo. Voci di corridoio dicono che la sua somiglianza con Carla Bruni non sia un caso, ma un volere della rigida mamma Yolanda che desiderava a tutti i costi una figlia all’altezza delle copertine anni ’90.


Tra le giovanissime amanti del botox c’è anche Madison Beer che ,nonostante la bellezza mozzafiato sin dalla tenera età, ha ben pensato di migliorare ulteriormente il suo aspetto al punto da sembrare partorita da Afrodite. Ma cosa avrebbe ritoccato di se stessa? La star non ha mai confermato niente, ma molteplici riviste parlano di botox agli occhi per dare un effetto “foxy eye”, chirurgia al naso ed evidente filler alle labbra.


Tra i disastri della chirurgia estetica c’è lei, Jocelyn Wildestein, schiava della bellezza ma soprattutto del bisturi, celebre per il suo splendido aspetto in giovane età e causa di giramenti di testa degli uomini di tutto il mondo. Dal matrimonio col marito miliardario iniziarono i ricorrenti ritocchini che l’avrebbero portata a divenire la donna che oggi è da molti definita “la donna gatto”. Lei ancora oggi rimpiange il suo aspetto e pensa a quanto fascino in fin dei conti si potesse celare dietro a delle naturalissime rughe, ma lo sappiamo tutti… la cattiva chirurgia non perdona… ed anche la mancanza d’intelligenza purtroppo!

Please follow and like us:
fb-share-icon

Biografia Alessia Avolio

Check Also

DIOR Beauty lancia la prima campagna WhatsApp del settore con l’influencer Jisoo

Grazie alla partnership con Infobip, per la prima volta un brand del lusso ha utilizzato …