Il Centro Cinofilo Zel crea l’iniziativa “Facciamo COVID-OUT”

bonus

Abbiamo il piacere di ricevere nuovamente i preziosi consigli di Mila Casella Presidente ASD ZEL Education Lab, Istruttore Riabilitatore Comportamentale AICS, Coadiutore In IAA, che con il suo Centro Cinofilo ha lanciato la simpatica iniziativa “Facciamo COVID-OUT”: un corso propedeutico di Educazione per Proprietari per tutti coloro che vogliono svolgere un iter educativo col proprio cane senza andare allo sbaraglio.

Come nasce l’idea di “Facciamo COVID-OUT”?

<<Ci stiamo per avvicinare alla tanto attesa ripartenza e probabilmente nella frenesia di ritornare alla nostra quotidianità ci potrebbero sfuggire piccoli accorgimenti che dovremmo avere nei riguardi dei nostri fedeli amici a quattro-zampe che ci hanno aiutato tanto in questo periodo di quarantena forzata.

Inaspettatamente ci siamo ritrovati a vivere una situazione d’immobilità cosi lunga che alla fine ci siamo quasi abituati e come i cani, che scandiscono il ritmo delle loro giornate con esperienze associative, anche noi bipedi abbiamo finito per assumere lo stesso atteggiamento.

Occorre innanzitutto pensare che la ripresa prevede un periodo di preparazione e di riabilitazione che non solo coinvolge la nostra vita ma anche quella dei nostri amici pelosi.>>

Come questo periodo ha influito sui cani e sulla loro quotidianità?

<<Prima di affrontare questa ritrovata libertà il suggerimento è di essere coadiuvati da professionisti del settore affinché vi possano supportare nel percorso di recupero delle attività sospese nonché di ripresa delle stesse.

Ci siamo ritrovati in casa tutti insieme limitando le uscite, ed anche le passeggiate hanno avuto una riduzione in termini di qualità.

La costante presenza ha reso i cani più legati ai nostri movimenti domestici e questo potrebbe essere un campanellino d’allarme per valutare una possibile comparsa di uno stato di ansia da separazione.

I cani sono animali abituati a vivere in gruppo e anche se può sembrare strano pensare che questi animali possono avere questi problemi, il 15% della popolazione canina ne soffre. Se non si educa il cane in maniera opportuna e non si presta attenzione al suo comportamento, il cane può sentirsi triste, infelice, stressato o nervoso. In ogni caso, è fondamentale intervenire e mettere fine al problema quanto prima.>>

Come possiamo attuare i tuoi consigli in casa?

<< – Soprattutto per chi possiede un cucciolo è bene iniziare a lavorare su piccole separazioni virtuali che gradualmente andranno ad aumentare nella tempistica.

Iniziate a lasciare il cane per qualche breve minuto in una stanza e fatevi ritorno dopo poco.

Se il cane non manifesta ansia aumentate il tempo e al vostro ritorno lodate la sua calma.

Fate questo esercizio tutti i giorni, per brevi sessioni, differenziando le stanze e gli ambienti .

Quando il cane avrà ben risposto a questa separazione virtuale potete spingervi nella direzione della porta d’ingresso e ripetere le sessioni. In questo modo il cane inizierà a percepire l’uscita ed il rientro come situazioni normali.

Fate attenzione però a non rientrare nel momento in cui il cane abbaia o emette lamenti perché potrebbe percepire quel comportamento come funzionale per lui sentendosi cosi incoraggiato a compiere quell’azione richiestiva.

Se diamo al cane un ambiente in cui si sente rilassato e protetto non si annoierà, e non assocerà il fatto di restare in casa da solo con un qualcosa di negativo.

Al fine di rendergli questo momento di separazione più gestibile e ben tollerabile possiamo lasciargli degli ossi da rosicchiare che si possono acquistare in qualsiasi negozio per animali oppure, giochi che permettono di introdurre cibo al loro interno, tipo il kong.>>

E negli spazi aperti?

<< – Gradualmente ritroviamo la socialità con i loro conspecifici rendendo cosi minore una possibile risposta avversiva nei confronti del prossimo.

Abituiamoli a prendere confidenza con i dispositivi di sicurezza che inizialmente dovremmo indossare per evitare che possano averne timore.

Ripristiniamo la qualità delle passeggiate , aumentiamo i tempi, facciamoli annusare ed esplorare così che ritorneranno a casa più stanchi e più appagati.

Riservatevi dei momenti piacevoli per fare qualche attività sportiva all’aperto.>>

Please follow and like us:

Biografia Nicoletta Gammieri

Nicoletta Gammieri
Nasce a Napoli il 29 agosto 1984, frequenta l'Università di Medicina Veterinaria, ma la lascia per seguire nel 2006 la sua vera strada “gli Interventi Assistiti con gli Animali”diventando coadiutore del gatto e del coniglio, del cane e dell'asino. Si Forma come Educatrice Cinofila. Partecipa a numerosi progetti in strutture socio-sanitarie: Scuole, Carceri, Ospedali, Case Famiglia. A gennaio 2014 apre un negozio di Mangimi ed Accessori per gli Animali, Il Bianconiglio (totalmente contrario alla vendita di animali).

Check Also

Animali e Cristalli

bonus Anche i medici più reticenti ormai si stanno “aprendo” alla medicina olistica ed alle …