sabato , 6 Giugno 2020

“IL GESTO DELL’ORIENTE. CINQUE VOCI DELL’AVANGUARDIA COREANA” A MILANO

Tra meditazione e materia, pensiero e visione, la mostra “Il Gesto dell’Oriente. Cinque voci dell’Avanguardia coreana”, alla Dep Art Gallery di Milano, curata da Gianluca Ranzi, fino al 9 maggio 2020, mette in luce la ricerca di cinque artisti che, dalla fine degli anni ‘50 del Novecento, hanno ridefinito e plasmato l’orizzonte dell’arte contemporanea in Corea: Chun Kwang Young, Park Seobo, Lee Bae, Lee Ufan, Kim Tschang-Yeul. Dal nucleo di circa quindici opere, di medio e grande formato, emerge la complessa dinamica tra rinnovamento e tradizione che ha lambito quel paese in un quarantennio di profondi turbamenti e agitazioni politiche e sociali.

Kim Tschang-Yeul (nato nel 1929) è, con Lee Ufan, Park Seobo una delle figure chiave del rinnovamento che l’arte coreana intraprende tra gli anni ’50 e ’60. A contatto con esperienze quali l’Informale europeo e l’Espressionismo Astratto, Kim Tschang-Yeul matura quella personalissima cifra stilistica fatta di costellazioni pittoriche di gocce d’acqua rese con iperrealistica precisione su sfondi neutri o ricoperti di ideogrammi. Tra astrazione e figurazione la pittura diviene un mantra meditativo che attenua l’ego a favore di uno spazio spirituale e persino terapeutico.

Waterdrops”- Kim Tschang-Yeul

Sta, invece, al gruppo Dansaekhwa, nato all’inizio degli anni ’70 e oggi oggetto di retrospettive nei maggiori musei internazionali, sviluppare la tendenza a un minimalismo monocromo che esalta la fisicità della pittura. Ne fa parte Park Seobo (1931), che recupera l’uso tradizionale della carta Hanji per opere dall’astrazione lineare e rigorosa, da cui è espunto l’ego dell’artista a favore di un vuoto meditativo e oggettivo scandito dalle verticali a rilievo e dal gioco delle loro ombre.

Fa parte dello stesso gruppo anche Lee Ufan (1936), l’artista oggi più noto internazionalmente anche per la sua partecipazione come artista-teorico del gruppo giapponese Mono-Ha. Egli mette a punto una pittura riduzionista fatta di linee e pennellate fluide, memori della tradizione calligrafica, che nella sua opera danno luogo a risonanze e corrispondenze, dialoghi tra pieno e vuoto che interrogano non solo lo spazio dell’opera, ma anche l’ambiente circostante.

Chun Kwang Young (1944) fa collidere pittura e scultura in superfici animate da miriadi di pacchettini di carta Mulberry tinta col tè o altri pigmenti naturali, un ricordo d’infanzia legato all’uso coreano di impacchettare con la carta di giornale, erbe medicinali e spezie. Come recita il titolo di questi quadri, essi sono “aggregazioni” di armonia e conflitto, di natura e cultura, di ordine e caos.

Aggregation”- Chun Kwang Young

Lee Bae (1956) lavora, invece, con silenti composizioni che declinano elegantemente tutte le possibilità cromatiche del nero, ottenuto attraverso sottilissimi strati di carboncino o di lamelle di legno combusto. La combustione e l’effetto del fuoco alludono alla metamorfosi di tutte le cose e alla considerazione, comune a tutti gli artisti in mostra, dello spazio pittorico come un evento, soggetto all’azione del tempo e aperto anche alla quarta dimensione.

Gli artisti coreani più o meno affermati non sono molti, rispetto ai colleghi cinesi, ma rientrano in un collezionismo molto più informato di quello cinese e di una produzione artistica che si interroga in modo originale sull’identità coreana sopravvissuta all’occupazione cinese, giapponese e americana, oltre che ad una guerra con recente diaspora. Gli artisti coreani, molti dei quali sono notissimi in patria, ma ancora poco noti all’estero, vantano una lunga serie di mostre internazionali e un’educazione in Paesi anglosassoni. Hanno tutte le condizioni per entrare nel mercato dell’arte internazionale come protagonisti e superare il gap tra circuito nazionale e internazionale.

Non a caso, diversi sono le manifestazioni sull’arte coreana. “Korean Wunderkammer” è il festival di arte contemporanea presente a Milano negli anni precedenti. Il format proponeva diverse mostre dedicate al talento coreano. Sotto ai riflettori non solo la pittura e la scultura, ma anche la fotografia, le installazioni e la calligrafia coreana contemporanea.

Please follow and like us:

Biografia Luca Del Core

Luca Del Core
Ha scritto per alcune riviste di settore, tra cui "Arskey Magazine" e per alcune delle quali è ancora redattore, "Artslife" e "Art a part of cult(ure)". L’arte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è. (Paul Klee)

Check Also

Sulla pagina Facebook del MANN, video dell’esperimento sociale “Un lupo al Museo”

L’esperimento sociale “Un lupo al Museo” sulla pagina Facebook del MANN Un format video, realizzato …