©NICOLAS DATICHE/WOSTOK PRESS/MAXPPP Allemagne, Cologne 05/08/2010? Gala de fin de la competition de patinage artistique. Les 8e Gay Games ont lieu cette annee a Cologne pendant une semaine, et vont reunir plus de 10 000 participants dans 35 competitions. Closing show of the competition of figure ice skating. The 8th Gay Games take place in Cologne for one week with 10,000 participants in 35 categorie

La visione sportiva della Pecora Rosa!

Salve, ogni volta che si parla di sport si parla sempre, necessariamente, di maschi.

E maschi detto alla napoletana, masccccchhiiiii, biascicato ti riempie la bocca …

Lo sport è inteso spesso come testosterone schizzato a “manovella”,aggressività, forza  bruta, maschia calzini sporchi e schizzi di sangue.

In una parola: Uomini. Nell’ immaginario collettivo gli sportivi sono uomini nerboruti, atletici, che non devono chiedere.. MAI .

La storia che vi racconto oggi è un po’ un” luogo comune” e fa riferimento all’ articolo della settimana scorsa.

I gay amano lo sport?..Da un lato si. Sport inteso come allenamento, si sa che la palestra è il tempio, diurno, dei gay( quello serale è la disco) i gay si allenano e parecchio. In un mondo d’ immagine la tua apparenza è tutto,sennò le cannottiere striminzite ed i jeans attillati come te li metti? Ogni esercizio fatto, aumenta il volume del tuo corpo e fa ..tirare.. la t shirt.La foto profilo sui social è importante, più sei figo più attiri gente.Palestrato  è bello. Il concetto curvy da noi non vale a meno che tu non sia un bear( uomo orso).

Gay in palestra a sudare con la fascette in fronte ee i polsini in tono  come Barbara  Bouchet.

Coniglietti di ferro.

Poi, se intendiamo: I gay amano lo sport? Io credo di no. Ma potrei  essere smentito.Non ho mai sentito un gruppo di uomini gay(le lesbiche si ,tifosissime) che va allo stadio a tifare la propria squadra. Oppure il giovedi sera in casa a vedere la partita con gli amici birra, rutti e bestemmie. Gooooollll…No, anche no. Non è una questione di delicatezza. E’ proprio nel dna .Non seguiamo lo sport, se non in rari casi,tipo la nazionale , ma è un dovere patriottico.

 Non è abbastanza divertente,colorato. Non c’è di che sparlare…non ci sono vestiti da commentare. Non è S. Remo.

Ma aldilà del fatto che ci piaccia o no…I gay come sono visti nello sport..?

Di recente, con le olimpiadi ,abbiamo assistito a tanti orgogliosissimi coming out.. Tom Bosworth, Rachele Bruni ed altri. Magari i nomi non vi dicono nulla ma è gente figa e coraggiosa, che non ha paura di essere sminuita o giudicata in un mondo prettamente etero.Finalmente abbiamo capito e dimostrato che tra i maschi atletici ,coraggiosi e aggressivi ci sono anche gli omosessuali, gay contro etero a snodarsi in prove di abilità, mica a lavorare a maglia…Orgoglio davvero. Punto a vantaggio nostro  contro chi ha creduto che i gay avessero paura di spettarsi un’ unghia..

Forse non lo seguiamo in tv ma lo pratichiamo ed anche bene.

Sport da gay?Per  ridere, direi: Il pattinaggio sul ghiaccio molto sculettante, grandi vestiti…Rugby? Pare piaccia ma il motivo non è forse per la presenza di gente tipo Martin  Castrogiovanni ,il rugbista, fichissimo italiano?..  Forse il.. Birdwatching l ‘osservazione degli uccelli,magari non è quello che pensate.. in America è una disciplina, non ufficializzata ancora,si fa nei boschi. Quelli che credono sia spiare nei bagni pubblici… non lo è…Il catfight ?(litigi tra gatte) i gay che si accapigliano sulle chat o in persona ,potrebbe diventare uno sport con i controfiocchi se si introducessero delle regole.

Quindi, amici se un gay vince le olimpiadi o fa più gol in una partita,non vi stranite,non stereotipateci, davvero facciamo di  tutto, forse solo con un po’ piu di stile.

Grazie

Cari lettori,ho il piacere  di pubblicizzare (qui sotto vedete la brochure)l’evento per la presentazione del mio libro LA PECORA ROSA a cui è legata questa rubrica. A POETE’ Venerdi 4 novembre 2016 ore:18.30. presso hotel de charme .via chiaia 216.Napoli. Ingresso libero. Vi aspetto.

14732379_1725060361147210_3476156533841629511_n

Please follow and like us:

Biografia Carlo Kik Ditto

Carlo Kik Ditto
Autore dei romanzi "La pecora Rosa"e "Crazy Bear Love" e "A Destra dell'Arcobaleno",Carlo Ditto con la sua ironia e il suo tono sempre sopra le righe,riesce a raccontare in modo davvero unico,la quotidianetà.Nella sua rubrica "L'angolo della Pecora Rosa",accompagnerà i nostri lettori nel mondo LGBT.

Check Also

GOSSIP ESTATE 2020

Cari lettori, l’estate 2020 volge al termine, restano piccoli scampoli di tempo libero e il …