L’arrivo dell’universo oscuro a Città della Scienza

Fare divulgazione scientifica, per quanto divertente e stimolante, non è facile e lo sanno bene tutti coloro che, ogni giorno, lavorano al programma: “Città della Scienza”. Sì, l’ho chiamato “programma” e non ad errore in quanto, se ben pensate, per tutto quello che c’è…per tutto quello che viene continuamente offerto quasi si può pensare di essere dinanzi ad un palinsesto. Parliamo di ragazzi e ragazze che, ogni giorno, studiano e programmano come portare la scienza alla cittadinanza tutta; come rendere fruibile il sapere alla comunità in modo quasi del tutto gratuito. E ieri, plesso il Planetario, si è tenuta una nuova presentazione a dir poco stratosferica dinanzi alla presenza del Presidente di Città della Scienza, Riccardo Villari, e del Presidente dell’Unione Astrofili Napoletani, il Dott. Edgardo Filippone. Prima di passare alla vera presentazione è giusto menzionare la dedizione e le belle parole spese proprio da quest’ultimo verso la sempre più promettente e florida struttura di Bagnoli che, come già anticipato, sta incanalandosi, (finalmente potremmo dire) verso quella che è la strada del successo.

Dal 7 Dicembre nel Planetario 3D di Città della Scienza, il più grande e tecnologicamente avanzato d’Italia, arriva infatti il nuovo attesissimo spettacolo in 3D: Hidden Universe, l’universo Oscuro, uno spettacolare viaggio immersivo nello spazio più profondo. Per la prima volta sullo schermo 3D filmati e ricostruzioni senza precedenti, frutto di immagini reali catturate dai più potenti telescopi del mondo: un’avventura, narrata con lo stile di un documentario, dove adulti e bambini potranno attraversare con gli occhi all’insù le più remote regioni del nostro Universo.  Il film segue la storia di un musicista di nome Jonathan che, nonostante il suo talento per il pianoforte, ha messo da parte il suo amore per la musica per seguire la sua passione per l’astronomia. A quello che abbiamo potuto vedere bisogna ammettere che in campo hanno messo davvero una tecnologia fuori dall’ordinario…le stelle e le nebulose sembrava potessero essere addirittura toccate per quanto erano vicine. Non per nulla questo planetario è il più avanzato d’Italia. Procedendo verso il cammino delle offerte di cds siamo venuti a conoscenza di tutte quelle che saranno le varie manifestazioni per questo periodo di feste. Le riportiamo come seguono:

  • Domenica 8 Dicembre, in esclusiva l’evento di Acquascaping più atteso dell’anno. Un evento di acquariofilia adatto a tutti, con i maggiori esponenti del settore a livello mondiale, pronti a realizzare live per i visitatori due splendide vasche che rientreranno nel percorso di visita della mostra Il Mare di Città della Scienza.
  • Il weekend del 14 e 15 dicembre sarà invece dedicato al tema Alberi di scienza, per scoprire da dove nasce la tradizione di porre un albero in casa e perché si addobbano gli abeti.
  • Il 21 e il 22 dicembre si indossano i cappotti più pesanti e si parte alla volta del Polo Nord, per scoprire dove si trova la casa di Babbo Natale e approfondire il Circolo Polare Artico, luogo magico delle Favole e delle Leggende del Natale di tutti i popoli, dove è possibile intravedere renne e altri animali artici.
  • Dal 24 dicembre al 5 gennaio due settimane all’insegna della Magia del Natale, per imparare di più sui suoi simboli, sulle sue leggende, culture e tradizioni. Tanti laboratori divertenti, tra cui quelli sulle bolle di sapone e ancora visite guidate, science show, dimostrazioni ed esperimenti.
  • Il 5 Gennaio torna invece la festa più amata, la Grande Festa della Befana, dalle 10 alle 14 in tutte le aree espositive del Science Centre e nella Galleria Spazio Eventi di Città della Scienza, con ingresso gratuito per tutti i bambini fino ai 12 anni. Ci si potrà mascherare da Befana utilizzando qualche vecchio abito in fondo all’armadio e gustare i tanti doni e prelibatezze gentilmente offerte da Dolciaria Pezzella. Spazio ai tanti coinvolgenti science shows, laboratori a tema natalizio e animazione con Elfi e musica, un fantastico spettacolo di bolle di sapone insieme a ricercatori e divulgatori scientifici.

Ed ancora…non è stato menzionato stamane ma io lo aggiungo comunque in quanto ne so per certa la veridicità della fonte…il 17 Dicembre si terrà la Conferenza con il Filosofo Umberto Galimberti dal tema “L’uomo nell’età della tecnica”. L’incontro vuole evidenziare la trasformazione che subisce l’uomo nell’età della tecnica, di cui siamo tutti scarsamente consapevoli, perché continuiamo a pensare la tecnica come uno strumento a nostra disposizione, mentre la tecnica (e non più la natura) è diventata l’ambiente che ci circonda e ci costituisce secondo quelle regole di razionalità che, misurandosi sui soli criteri della funzionalità e dell’efficienza, non esita a subordinare le esigenze dell’uomo alle esigenze dell’apparato tecnico.

In conclusione voglio portare alla vostra attenzione una sola cosa: Sabato scorso abbiamo ospitato a Città della Scienza un Premio Nobel per la Fisica (il Prof. Gerard Albert Mourou); la settimana prossima avremo un grandissimo filosofo quale Umberto Galimberti e tutto questo al costo di 0€ di ingresso. Fermo restando che neanche il Sindaco De Magistris era presente (ed è una figuraccia abissale a pensiero di chi scrive) non credete sia il caso di iniziare a supportare questa realtà? Non credete che questi ragazzi, i loro sforzi, meritino il vostro supporto? Non volete offrire ai vostri figli la vastità dell’universo e la profondità degli oceani piuttosto che una sempre più squallida e monotona realtà?
Beh se, anche solo un poco, lo volete iniziate a pensare di dare una possibilità alla vostra terra; iniziate a pensare che Città della Scienza è il luogo ideale per passare queste Feste Natalizie.

Please follow and like us:

Biografia Giuseppe Improta

Check Also

I LAZAHARS sono tra noi…

Giovedì 24 giugno, ore 18.30 nel parco di Villa Vannucchi, l’Associazione Culturale ALTANUR propone un …