Libri di tutti i colori

 

Un libro non è solo nero su bianco, ma un vortice di colori. Alcuni saranno tenui, altri forti ed abbaglianti, altri ancora si fonderanno per dare tonalità uniche e personali. Non è possibile fare un discorso globale, la percezione è diversa per ogni singolo lettore, l’unica cosa che posso fare è sceglierne alcuni che hanno nel titolo un colore. Questa condizione oggettiva non escluderà al pubblico il piacere di scoprirne le varie sfumature che rappresenteranno le sensazioni avvertite durante la lettura stessa.

 

L’albero dai fiori viola di Sahar Delijani

 

Qui il  viola, rappresentato dalla tonalità dei fiori dell’albero di jacaranda punto d’incontro delle famiglie protagoniste, si fonde con vari colori. Scopriremo il rosa, indicatore del sesso femminile: donne iraniane distrutte e scalfite dalla Rivoluzione Khomeinista; il bianco, simbolo di purezza ed innocenza come i bambini: abbandonati, soli o nati in carcere.

 

Il rosso e il nero di Stendhal

Per comprendere i significati del romanzo è importante porre attenzione nel simbolismo contenuto nei colori del libro. Il rosso evoca il sangue, sia quello  versato per gelosia che per condanna, ma anche la passione e l’amore. Il nero legato al dolore per la mancanza di affermazione, al presunto tradimento da parte della donna amata, alla morte.

 

Il cane giallo di Georges Simenon

Qui la tinta indicata nel titolo corrisponde anche al genere. Il commissario Mairgret simbolo del giallo sarà accompagnato da un quadrupede scodinzolante per tutta la durata delle indagini. La tono del libro vira fortemente al nero  per i richiami al gotico ed alla notte, momento propizio per un omicidio.

 

Il tailleur grigio di Andrea Camilleri

Più che un abito, una divisa di conformismo esteriore, una maschera vista come travestimento per recitare una parte. Il grigio è decisamente un colore ambiguo dato dal mescolamento del bianco simbolo di candore con il nero emblema dell’oscuro e del fosco. Nuance magistralmente scelta da Camilleri per rappresentare un personaggio sfocato, indefinibile ed affascinante.

 

Una scrittura azzurro pallido di Franz Werfel

Una gradazione delicata, una grafia femminile che evoca ricordi e chiede aiuto. Le memorie e le paure affiorano, la mente comincia a frugare indietro nel tempo, la paura di ripercorrere tristi eventi passati cede il passo alla curiosità di scoprire un presente parallelo. Il ceruleo rassicurante viene decisamente spodestato dall’ ocra chiaro, colore dei ricordi volutamente sbiaditi.

 

Pappagalli verdi di Gino Strada

Le esperienze toccanti del medico di guerra sono la più grande tavolozza su cui posare tutte le tinte esistenti. Il rosso del sangue, il nero della morte, le varie sfumature che il colore della pelle può assumere, il bianco delle fasciature, il trasparente (lasciatemelo passare come colore) di chi non vuole vedere le brutture delle guerre e soprattutto il verde, rappresentativo di speranza e non del nome delle mine giocattolo da cui prende il titolo l’opera.

 

 

 

Please follow and like us:

Biografia Cristiana Abbate

Cristiana Abbate
Veterinaria pentita e mamma convinta.Si ritiene propositiva e per nulla diplomatica .Grande appassionata di viaggi e divoratrice di libri. Malata di shopping e con il conto in banca fisso sul rosso.

Check Also

ITINERARIO LETTERARIO EUROPEO. SLOVENIA

Pozdravljeni vsi skupaj! Riprende il nostro tour europeo, ovviamente con il mezzo di locomozione più comodo …