NAPOLI E LE SUE TRADIZIONI NATALIZIE:LA LEGGENDA DEL LUPINO

A Napoli bruciate una pigna in casa a Natale e Capodanno per far diffondere l’odore della resina sciolta sul fuoco, è da sempre un simbolo di buon augurio, sembra che questo gesto, derivi da una leggenda molto antica, legata alla fuga della Sacra Famiglia in Egitto:” La leggenda del lupino” giunta sino a noi grazie alla tradizione dei “cunti”, testi tramandati oralmente, da generazione in generazione. Ai giorni nostri, quest’antica usanza è stata rielaborata dal maestro Roberto De Simone, che la musicò affidandone il canto a Concetta Barra

La leggenda del Lupino

Si racconta che, affinché Gesù potesse salvarsi dalla strage degli innocenti ordinata da Erode, la Sacra Famiglia fu costretta a fuggire da Nazareth.

Durante il tragitto, la Madonna e San Giuseppe chiesero aiuto alle piante che trovavano lungo il cammino affinchè li nascondessero per proteggere Gesù.

Inizialmente cercarono rifugio in un campo di lupini, sperando che  i loro fusti alti e ricchi di bacche li proteggessero, però quando iniziarono ad attraversare il campo, i baccelli secchi che potevano nasconderli alla vista dei soldati, cominciarono ad accartocciarsi per espellere i semi producendo un forte rumore. I fuggiaschi a quel punto dovettero cercare protezione altrove.

La Famiglia si rifugiò sotto un pino e la Madonna chiese il suo aiuto. Il pino spalancò le sue enormi fronde accogliendo la Madonna, San Giuseppe e il Bambino e proteggendoli dai loro persecutori.

Quest’albero fu quindi premiato per la sua generosità: Gesù, infatti, gli fece dono dell’odore d’incenso, che avrebbe ricordato per sempre la sua benevolenza, mentre il perfido lupino venne punito: fu condannato a generare per sempre frutti amari.

Questo è il testo rielaborato dal maestro De Simone

A Betlemme se iettaje lu banne
contr’a criature sott’a li dduje anne.
Fuje Maria cu nu ruosse schiante
lu figlie arravugliate rint’a lu mante.

E li giudei nun hanne riciette
a ogni mamma sbatte lu core ’mpiette.

Fuje Maria e va pe’ la campagna
ca l’angelo da ciele t’accumpagna.

Oje lloche ‘nu giudeo cu ’na brutta faccia
le vo’ levà lu figlie da li braccia.
Fuje Maria e corre senza sciate
lu Bambenielle zitte e appaurate.
E attuorne attuorne nun ce sta repare
sule ciele scupierte e tiempe amare.

Curre Maria ca viente s’avvecine
curre e annascunne a Giesù Bambine.

Quanne ’a Maronna perze se verette
a ogni fronna «aiute! aiute!» ricette.
Frutte ’e lupine mie, frutte ’e lupine
arrapete e annascunne lu mio bambino.
«Vattenne!» lu lupine rispunnette
e forte forte le fronne sbattette.

Lupine ca tu fuste amare assaje
sempe cchiù amare addeventarraje.

E doppe ca lu lupine se ’nzerraje
Maria a n’albere ’e pigne tuzzuliaje.
Frutte ’e pignuole mie, frutte ’e pignuole,
arapete e annascunne lu mio figliuolo.
E subbete lu pignuole s’arapette
e mamma e figlie ’nzine annascunnette.

Reparete reparete Maria
ca li giudei so ghiute p’ata via.

Please follow and like us:

Biografia Luciana Pasqualetti

Fiorentina di nascita ma napoletana con il cuore. Appassionata di cucina, storie e racconti su Napoli. Entusiasta per tutto ciò che è antico, non disdegnando il nuovo. Ama la puntualità e non sopporta l'approssimazione.

Check Also

“NON SOLO COSE DA UOMINI” MARIA LA PUTEOLANA LA PRIMA DONNA SOLDATESSA

Molto spesso, oserei dire quasi sempre, abbiamo ritenuto che la forza ed il coraggio, fossero …