NAPOLI E LE SUE TRADIZIONI NATALIZIE:LA LEGGENDA DEL LUPINO

A Napoli bruciate una pigna in casa a Natale e Capodanno per far diffondere l’odore della resina sciolta sul fuoco, è da sempre un simbolo di buon augurio, sembra che questo gesto, derivi da una leggenda molto antica, legata alla fuga della Sacra Famiglia in Egitto:” La leggenda del lupino” giunta sino a noi grazie alla tradizione dei “cunti”, testi tramandati oralmente, da generazione in generazione. Ai giorni nostri, quest’antica usanza è stata rielaborata dal maestro Roberto De Simone, che la musicò affidandone il canto a Concetta Barra

La leggenda del Lupino

Si racconta che, affinché Gesù potesse salvarsi dalla strage degli innocenti ordinata da Erode, la Sacra Famiglia fu costretta a fuggire da Nazareth.

Durante il tragitto, la Madonna e San Giuseppe chiesero aiuto alle piante che trovavano lungo il cammino affinchè li nascondessero per proteggere Gesù.

Inizialmente cercarono rifugio in un campo di lupini, sperando che  i loro fusti alti e ricchi di bacche li proteggessero, però quando iniziarono ad attraversare il campo, i baccelli secchi che potevano nasconderli alla vista dei soldati, cominciarono ad accartocciarsi per espellere i semi producendo un forte rumore. I fuggiaschi a quel punto dovettero cercare protezione altrove.

La Famiglia si rifugiò sotto un pino e la Madonna chiese il suo aiuto. Il pino spalancò le sue enormi fronde accogliendo la Madonna, San Giuseppe e il Bambino e proteggendoli dai loro persecutori.

Quest’albero fu quindi premiato per la sua generosità: Gesù, infatti, gli fece dono dell’odore d’incenso, che avrebbe ricordato per sempre la sua benevolenza, mentre il perfido lupino venne punito: fu condannato a generare per sempre frutti amari.

Questo è il testo rielaborato dal maestro De Simone

A Betlemme se iettaje lu banne
contr’a criature sott’a li dduje anne.
Fuje Maria cu nu ruosse schiante
lu figlie arravugliate rint’a lu mante.

E li giudei nun hanne riciette
a ogni mamma sbatte lu core ’mpiette.

Fuje Maria e va pe’ la campagna
ca l’angelo da ciele t’accumpagna.

Oje lloche ‘nu giudeo cu ’na brutta faccia
le vo’ levà lu figlie da li braccia.
Fuje Maria e corre senza sciate
lu Bambenielle zitte e appaurate.
E attuorne attuorne nun ce sta repare
sule ciele scupierte e tiempe amare.

Curre Maria ca viente s’avvecine
curre e annascunne a Giesù Bambine.

Quanne ’a Maronna perze se verette
a ogni fronna «aiute! aiute!» ricette.
Frutte ’e lupine mie, frutte ’e lupine
arrapete e annascunne lu mio bambino.
«Vattenne!» lu lupine rispunnette
e forte forte le fronne sbattette.

Lupine ca tu fuste amare assaje
sempe cchiù amare addeventarraje.

E doppe ca lu lupine se ’nzerraje
Maria a n’albere ’e pigne tuzzuliaje.
Frutte ’e pignuole mie, frutte ’e pignuole,
arapete e annascunne lu mio figliuolo.
E subbete lu pignuole s’arapette
e mamma e figlie ’nzine annascunnette.

Reparete reparete Maria
ca li giudei so ghiute p’ata via.

Please follow and like us:

Biografia Luciana Pasqualetti

Luciana Pasqualetti
Fiorentina di nascita ma napoletana con il cuore. Appassionata di cucina, storie e racconti su Napoli. Entusiasta per tutto ciò che è antico, non disdegnando il nuovo. Ama la puntualità e non sopporta l'approssimazione.

Check Also

PALAZZO PIGNATELLI DI TORITTO E IL SUO MAGICO GIARDINO

Un luogo oltre che ricco di mistero, carico di storia, è Palazzo Pignatelli di Toritto …