Speciale Pasqua

Le uova di Pasqua

uova

A Pasqua c’è l’abitudine di regalare uova di cioccolato. In realtà quest’abitudine è nata con il tempo, ma all’inizio si regalavano uova vere, con il guscio colorato, col significato di rinascita e che la vita ricomincia. “Omne vivum ex ovo”, cioè “tutti i viventi nascono da un uovo”, è il motto che per secoli ha spiegato il principio che la vita non può avere origine dal nulla. Da esso capiamo quale importanza abbia sempre avuto l’uovo, con la sua forma perfetta nel nostro immaginario; la sua forma ovale è infatti una linea senza inizio e senza fine (infinita) che richiama l’eternità.In tutto il mondo, l’uovo è il simbolo della Pasqua. Dipinto o intagliato, di cioccolato o di zucchero, di terracotta o di cartapesta, l’uovo è parte integrante della ricorrenza pasquale e nessuno vi rinuncerebbe.

La pastiera

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

“Currite, giuvinò! Ce stà ‘a pastiera!”
E’ nu sciore ca sboccia a primmavera,
e con inimitabile fragranza
soddisfa primm ‘o naso,e dopp’a panza.
Pasqua senza pastiera niente vale:
è ‘a Vigilia senz’albero ‘e Natale,
è comm ‘o Ferragosto senza sole.
Guagliò,chest’è ‘a pastiera.Chi ne vuole?
Ll’ ingrediente so’ buone e genuine:
ova,ricotta,zucchero e farina
(e’ o ggrano ca mmiscato all’acqua e’ fiori
arricchisce e moltiplica i sapori).
‘E ttruove facilmente a tutte parte:
ma quanno i’ à fà l’imposto,ce vò ll’arte!
A Napule Partenope,’a sirena,
c’a pastiera faceva pranzo e cena.
Il suo grande segreto ‘o ssai qual’è?
Stu dolce pò ghì pure annanz’ o Rre.
E difatti ce jette. Alludo a quando
il grande Re Borbone Ferdinando
fece nu’ monumento alla pastiera,
perchè facette ridere ‘a mugliera.
Mò tiene voglia e ne pruvà na’ fetta?
Fattèlla: ccà ce stà pur’ a ricetta.
A può truvà muovendo un solo dito:
te serve pe cliccà ncopp ‘ a stu sito.
Màngiat sta pastiera,e ncopp’ a posta
dimme cumm’era: aspetto  na’ risposta.
Che sarà certamente”Oj mamma mia!
Chest nunn’è nu dolce: è na’ poesia!

La leggenda infatti fa risalire l’origine della Pastiera addirittura alla sirena Partenope che incantata dalla bellezza del golfo di Napoli, disteso tra Posillipo ed il Vesuvio, aveva fissato lì la sua dimora. Ogni primavera la bella sirena emergeva dalle acque per salutare le genti felici che popolavano il golfo, allietandole con canti d’amore e di gioia.

Una volta la sua voce fu così melodiosa e soave che tutti gli abitanti ne rimasero affascinati e rapiti: accorsero verso il mare commossi dalla dolcezza del canto e delle parole d’amore che la sirena aveva loro dedicato. Per ringraziarla di un così grande diletto, decisero di offrirle quanto di più prezioso avessero.

Sette fra le più belle fanciulle dei villaggi furono incaricate di consegnare i doni alla bella Partenope: la farina, forza e ricchezza della campagna; la ricotta, omaggio di pastori e pecorelle; le uova, simbolo della vita che sempre si rinnova; il grano tenero, bollito nel latte, a prova dei due regni della natura; l’acqua di fiori d’arancio, perché anche i profumi della terra solevano rendere omaggio; le spezie, in rappresentanza dei popoli più lontani del mondo; infine lo zucchero, per esprimere l’ineffabile dolcezza profusa dal canto di Partenope in cielo, in terra, ed in tutto l’universo.

La sirena, felice per tanti doni, si inabissò per fare ritorno alla sua dimora cristallina e depose le offerte preziose ai piedi degli dei. Questi, inebriati anche essi dal soavissimo canto, riunirono e mescolarono con arti divine tutti gli ingredienti, trasformandoli nella prima Pastiera che superava in dolcezza il canto della stessa sirena.

Il casatiello

untitled

‘A LEGGENDA D’O CASATIELLO

Doppo sulo tre ghiuorne ch’era muorto,
a Pasqua, Gesù Cristo era risorto.
Currette tutt’attuorno nu’ sorriso:
ncopp’a terra, ma pure n’Paraviso.

Il Babbo (‘o Pataterno) è stracontento.
Va guardann’o rilorgio ogne mumento:
“Mo’ vene!” Pe l’accogliere, a Maronna
s’a miso ‘o meglio manto, e ‘a meglia gonna.

Pe stu guaglione, quanto hanno penato!
S’è sbattuto, ha pregato, ha predicato
(pe c’aiutà perdette pur’ a voce,
e nuje, pe’ premio, l’ammo miso ‘ncroce).

Mo’ c’arriva, se fa ‘na granna festa:
c’a carne, ‘o pesce, e cicere, e a menesta;
s’abballa fino all’alba, mmiez’e stelle,
ch’e Sante, l’angiulille e l’angiulelle!

Ma pass’o tiempo, e Cristo nun se vede.
“Gesù. Chesto si o conto, nun se crede.
E che miseria. Né, tu si risorto:
e vuò sagliere ncoppa, a chi t’è…..?

Ecco qua, mò pur’i aggio iastummato.
Pietro, nunn’è c’avesseno sunato?”
Oramai s’era fatto un certo orario,
e tutt’e sant’e copp’o calennario

s’offretteno pe scennere quaggiù
p’avè quacche notizia di Gesù.
“Pe quant’è vero ca me chiammo Dio
nun ce mann’a nisciuno: ce vac’io!”

Scennette a volo. Sorvolaje l’Inferno,
e cu’ nu naso fine ‘e Pataterno
ca ngarra sempe, e nun se sbaglia mai:
Napoli, via San Biagio dei Librai.

Era nu’ vico scuro, luongo e stritto.
Dio, senza fa remmore, zittu zitto,
c’a guida ‘e certi vvoce, dint’a niente
fernette int’a na casa chiena ‘e gente.

Tranquillo, a caputavola assettato,
parlanno mò cull’uno, e mò cull’ato,
Gesù, ca mazzecava un grosso pezzo
‘e na ciambella con un buco in mezzo.

Dio lle dicette:  “Figlio! ….di mappina,
nuje te stammo aspettann’a stammatina,
e tu si ghiuto a cena cull’amice?
Sì na carogna,  tu, e chi nun t’o dice!

Gesù, verenn’o Pate, s’era aizato.
“Babbo caro, perdonami. Ho sbagliato,
ma ‘a colpa è stata ‘ a lloro: ‘e sti’ perzone.
Per festeggiare la Resurrezione,

m’hanno fatto ‘na torta sopraffina
c’e cicole, cu ll’ova e c’a farina,
e l’hanno mis’ a nomme: casatiello.
Papà, chest’è ‘o miracolo chiù bello!

Quanno resuscetaje, sentette addore….
Se dice: vide Napule e po’ muore,
e  – tu lo sai ca i’  sò straordinario-
aggio voluto fa tutt’o cuntrario:

primma so muorto, e doppo so’ venuto.
Vaco ncielo? Ma no, aggio riflettuto:
pè sta assieme cu mamma e cu papà,
i’ tengo, d’oggi in poi, l’eternità.

Succede na’ tragedia (manc’e cane)
se invece ‘e saglì mò, salg’ dimane?
Seguenno  stu prufummo,  là pe’ là
me trovaje miez’e strade ‘e sta città.

Ccà se fanno ‘e pasture ‘e terracotta,
(a Natale ce sta nu votta votta….)
Sì, so’ e presepie e San Gregorio Armeno:
ce stongh’i, ‘appena nato, dint’o fieno.

(L’asino e’o bue, papà, m’hanno scarfato:
si era pe’ te, murev’assiderato…..
Ce steva san Giuseppe, cu Mammà.
‘O  ssaccio, e chesto nun ne vuò parlà….)

Turnann’a nuje: ve site preoccupate,
ca chi ‘o ssape che m’era capitate…
Va buono, mò è fernuto ‘o melodramma.
Saluto a chest’amice, e ce ne jamme.

Ragazzi, fate il Bene, e non il Male:
ce vedimme al Giudizio Universale.
Ma ‘o casatiello, me l’aggià purtà,
pecchè pure Mammà l’adda  pruvà.

Papà, dacce nu’ muorzo, pe’ favore,
e mi perdonerai di tutto cuore:
m’aggio creduto, appena l’ho assaggiato,
ca ‘n Paraviso, i’ già c’ero arrivato!

 

 

 

 

 

Please follow and like us:

Biografia Francesca Cuomo

Francesca Cuomo
"L'immortalità si paga cara: bisogna morire diverse volte mentre si è ancora in vita."

Check Also

Napoli – il drammatico crollo della palazzina abitata dai clochard

Un’ala dell’ex fabbrica Corradini è parzialmente crollata ieri pomeriggio a Napoli in via Innominata, nel quartiere …