lunedì , 9 Dicembre 2019

Al cinema Copia Originale la recensione

Ci sono di film che non vengono pubblicizzati come dovrebbero eppure sono dei veri e propri gioiellini.

Ho partecipato alla prima del film copia originale, film sulla vita e le truffe di Lee Israel, biografa di successo  che ad un certo punto della vita decise di “sbarcare il lunario” falsificando lettere e firme di personaggi famosi, riuscendo a farla franca per molto tempo. Finché un giorno….

Protagonisti Melissa Mc Carthy, al primo ruolo drammatico, e Richard E. Grant. La regia è di Marielle Heller.

I protagonisti Lee e Jack entrambi gay, si conoscono in un bar e fanno amicizia nonostante i differenti caratteri, lui è un pregiudicato e lei lo coinvolge nella sua attività illegale.

Il film è stato acclamato dalla comunità gay americana perché, aldilà delle truffe al limite dell’incredibile, colpisce il lato umano che Lee tiene ben nascosto sotto una coltre di silenzi e modi maleducati, colpisce la solitudine che attaglia questa donna lesbica ai limiti della misantropia e in Jack, scavezzacollo e cinico, ma mai “macchietta gay”, troverà un complice per i suoi affari ma prima di tutto una spalla su cui piangere, un amico per dirla in parole semplici.

Il tema dell’omosessualità è trattato con delicatezza, con sguardi e silenzi colmi di mille parole. Non c’è violenza, sesso o esibizionismo, l’accento è posto sulle vulnerabili personalità di entrambi.

Anche se il fulcro del film è la truffa ideata dalla protagonista, a ben vedere copia originale è un film queer che tratta con delicatezza la solitudine e la voglia di trovare un amico. A volte bisogna leggere “tra le righe” anche in un film.

Da vedere per comprendere la vita degli altri cogliendone le sfumature nei gesti, nelle espressioni e nelle cose non dette. Intenso, riguardoso ed incantevole.

Film candidato a 3 premi oscar, miglior attrice, miglio attore non protagonista e miglio sceneggiatura.

Ora nei cinema italiani.

Please follow and like us:

Biografia Carlo Kik Ditto

Carlo Kik Ditto
Autore dei romanzi "La pecora Rosa"e "Crazy Bear Love" e "A Destra dell'Arcobaleno",Carlo Ditto con la sua ironia e il suo tono sempre sopra le righe,riesce a raccontare in modo davvero unico,la quotidianetà.Nella sua rubrica "L'angolo della Pecora Rosa",accompagnerà i nostri lettori nel mondo LGBT.

Check Also

“Onlyfans” il porno fai da te raccontato da G.

Oggi il porno è fai da te, tutti abbiamo una cellulare e quelli di nuova …