Breve viaggio attraverso la storia della moda

Sono tante le volte in cui sento parlare le nuove generazioni di alcuni brand come Balmain , Givenchy, Balenciaga , Dior, come fossero le mode del momento , di brand effimeri conosciuti solo per quella determinata scarpa di tendenza o  di felpa , t-shirt …

In realtà , è vero, in molti conoscono queste storiche maison soltanto per i capi che attualmente fanno tendenza , soprattutto tra i giovani .

Ma andiamo un po’ indietro con gli anni e diamo la giusta importanza a questi brand che hanno segnato la storia facendo moda quando noi tutti ancora dovevamo nascere .

Iniziamo con il famoso Cristòbal Balenciaga Eizaguirre , stilista spagnolo di fama mondiale . Nel 1919 aprì una sua boutique a San Sebastian e altre ancora dopo un po’ a Madrid e Barcellona . La famiglia reale spagnola e l’aristocrazia apprezzarono molto le sue creazioni . Purtroppo  la crisi dovuta alla guerra civile spagnola obbliga  Balenciaga a chiudere i suoi negozi , ma traferitosi a Parigi  riaprirà la sua maison di moda nel 1937 .

Negli anni 50′  nonostante il New Look di Dior caratterizza lo stile di quegli anni , Balenciaga conobbe un grande successo , nella sua maison fecero scuola grandi nomi , tra cui Hubert de Givenchy , Oscar de la Renta  , Mila Shon .

Balenciaga a differenza di Dior crea abiti che segnano una nuova figura femminile , senza corsetto , spalle ampie e forme a uovo .  Nel 1951 crea il tailleur semiaderente , nel 1953 la giacca a palloncino , nel 1955 l’abito tunica , nel 1958 il cappotto cocoon e la gonna a palloncino . Nuove linee rappresentano la sua moda ed è infatti ricordato come uno stilista innovativo , anche quando il mondo iniziò a muoversi verso un prodotto di pret-à-porter , Balenciaga non si adatto mai e continuò a creare la sua haute couture . Nel 1968 , a 74 anni decise di ritirarsi dal mondo della moda . Oggi il brand Balenciaga è proprietà del gruppo Kering S.A.

foto dall’archivio Cristobal Balenciaga.

Hubert de Givenchy , nato nel 1927 in un paesino della Francia , nominato “l’aristocratico della moda ” , in quanto proveniva da una famiglia nobiliare della Francia . Appassionato di moda e con un naturale senso per lo stile e la sua innata eleganza decide , contro il volere della famiglia , di frequentare   l”Ecole Nationale superieure des beaux-arts di Parigi . 

Dopo gli studi inizia le sue prime esperienze , lavora per Luciene  Lelong , per Piguet , per Fath , stilisti molto noti negli anni ’40.

Nel 1952 debutta a Parigi con la sua prima collezione e fu un enorme successo , da subito iniziò a vestire i personaggi più illustri , tra cui la  mitica Audrey Hepburn  inizia a vestire Givenchy , diventando la sua musa . In tutti i suoi film gli abiti sono firmati Givenchy .

Tra le sue creazioni iconiche  ricordiamo l’abito a sacco del 1953, il mantello con  collo avvolgente del 1958 e l’abito a palloncino .

foto dall’archivio storico Hubert de Givenchy . 

Pierre Alexandre Claudius Balmain, stilista francese , anche lui molto noto negli anni ’40 . Nasce in un paesino della Francia nel 1914,  figlio di un commerciante di stoffe e di una commessa di boutique , Balmain scopre presto la passione per la moda e per il disegno degli abiti . Studia all’accademia delle belle arti , ma non termina gli studi e si dedica ben presto a lavorare come stilista presso noti studi di couturiere , tra cui Lucien Lelong . 

Dopo la seconda guerra mondiale , nel 1945 crea il suo brand e apre una sua boutique a Parigi. Il successo fu immediato , tutta Parigi parlava delle sue creazioni

e personaggi importanti iniziarono a vestire con i suoi abiti , tra cui Grace Kelly . 

Dopo la morte di Balmain ,  nel 1982, il brand andò quasi in fallimento e solo negli ’90  , grazie a Oscar De la Renta , che la maison riprende il suo valore artistico .

Oggi il direttore creativo è il giovanissimo Olivier Rousteing  il cui stile si distingue per creazione di capi dalle forme e tagli particolari  impreziositi  da ricami e decorazioni vistose .

 

 

 

Please follow and like us:

Biografia Alessandra Rubino

Alessandra Rubino
CLASSE 1982 , nata a Napoli il 28 agosto disegna vestiti da quando ha 5 anni con il sogno di diventare stilista. Nel 2006 lo diventa ed inizia anche la prima esperienza di lavoro. Ama le librerie , gli oggetti antichi da scavare nei mercatini tipici . Semplice , impulsiva , romantica , sognatrice con un 'anima vintage

Check Also

Il re dello sportswear

In questo periodo di  quarantene e lockdown in cui la nostra vita è  più sedentaria …