Napoli (Marka)

Eventi Napoli e Campania: Agenda della settimana dal 3 al 6 giugno 2019

Anche questa settimana Senza Linea ha selezionato per voi gli eventi più interessanti che si svolgeranno in Campania.

La festa del Giglio di Recale

lunedì 3 giugno

Caserta

L’evento nel comune casertano è in concomitanza con le celebrazioni per il Patrono Sant’Antimo.

Si rinnova a Recale, in provincia di Caserta, l’appuntamento con la “Festa del Giglio“, l’evento, in concomitanza con i festeggiamenti per il Patrono Sant’Antimo, che prenderà il via venerdì 31 maggio per concludersi lunedì 3 giugno 2019. 

Domenica 2 giugno, dal primo mattino, i fedeli ed i curiosi invaderanno il centro per ammirare lo stupendo giglio eretto in onore del Santo.

La storia della festa nasce nel 1800 e il suo nome, come tutti i recalesi sanno, viene dal giglio, una vera e propria costruzione in cartapesta che viene realizzata da esperti “cartapestai” di Nola e che la domenica della festa attraversa le strade del paese portata a spalle dai giovani.

L’attuale “Giglio” misura 27 mt. di altezza e ha 4 facciate, ciascuna di mt. 3,50.

Lunedì 3 giugno 2019
ore 7.30 fuochi pirotecnici della ditta “Pirotecnica Ruggiero”
ore 8.30 arrivo del concerto bandistico Città di Caserta
ore 11.00 Celebrazione Eucaristica solenne e grande orchestra diretta dal Maestro Domenico Argenziano con la partecipazione di artisti e concertatori del Teatro San Carlo di Napoli. Officerà il Parroco Don Carmine Ventrone
ore 21.00 in piazza Domenico Vestini Nancy Coppola in Concerto

  • Dove: piazza Domenico Vestini, Caserta
  • Orario: 7.30 – 23.00
  • Info: evento facebook

Al Maschio Angioino la mostra Irrealtà Invisibili

fino al 4 giugno

Napoli

Organizzata dall’Associazione Nartwork, l’esposizione intende rendere visibile la sostanza del sentire interiore attraverso l’arte, grazie alla presenza di artisti che hanno accettato la sfida di dare forma concreta alla propria interiorità, ognuno attraverso la propria peculiare ricerca artistica.

Un percorso introspettivo che dà vita ad una visione-racconto intimo, una voce che emerge dal profondo e rivendica un suo spazio visibile nel reale, ove nella soggettività dell’artista è concesso allo spettatore di ritrovarsi e ritrovarvi il proprio sentire, in contrapposizione con l’oggettività “comune”.

La mostra accoglie opere di artisti contemporanei provenienti da 11 paesi ed ha ricevuto il patrocinio morale della Regione Campania, del Comune di Napoli e dell’Università “Suor Orsola Benincasa”, della Fondazione Valenzi ed il Matronato dal Museo Madre e rientra nel calendario di eventi del Maggio dei Monumenti.

Nel corso dell’inaugurazione, dopo i saluti di Lucia Valenzi , Presidente della Fondazione Valenzi, si tratterà del tema della mostra con le curatrici e gli artisti intervenuti.

La collettiva è a cura di Rossella Bellan, Giulia Mazzilli e Antonietta Panico. Sono presenti nell’esposizione opere di Constantin Apostol “Lotsopa”(Romania), Santi Bonnici “Bonny”, Daniela Bussolino, Rosario Cacciapuoti, Cinzia Cannavale, Nicola De Luca, Daniela Delle Fratte “DiDiF”, Anna Di Maria, donPaco (Spagna), Eivor Evalds (Finlandia), Luibov Fridman (Russia), Monika Hartl (Austria), Elke Hubmann – Kniely (Austria), Erich Kovar (Austria), Lorenzo Ludi, Traute Macom (Austria), Peter Mammes (Sud Africa), Elena Mariani, Benita Martin (Germania), Errico Mellone, Marta Melniczuk (Germania), Isabella Meloni, Benita Merkle (Germania), Susanna Nagy (Francia), Attila Olasz (Ungheria), Maria Rita Onofri, Britta Ortiz (Danimarca), Gilda Pantuliano “Fluida”, Massimo Piro “Max Piro”.

La mostra “Irrealtà Visibili” sarà aperta al pubblico dal 24 maggio al 4 giugno 2019, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 18.30. Chiuso la domenica.


8 concerti ispirati a 8 opere d’arte di Palazzo Zevallos

martedì 4 giugno

Napoli

Vincenzo Migliaro, Taverna a Posillipo, 1886
relatore Renato Ruotolo
Alessandro Schiano Moriello, pianoforte

La pausa dal dolore
Sigismund Thalberg (1812 – 1871)
Les soirées de Pausilippe (Hommage à Rossini),op. 75
n. 7, 3, 17, 19, 23, 5

Johannes Brahms (1833 – 1897)
Intermezzo in la maggiore op. 118 n. 2

Franz Liszt (1811 – 1886)
Vallée d’Obermann da Années de pèlerinage

Aleksandr Skrjabin (1872 – 1915)
Preludio e Notturno op. 9, per sola mano sinistra

Sergej Prokofiev (1891 – 1953)
Toccata in re minore op. 11


Marina Bruno in “Parthenoplay” feat. Daniele Sepe

mercoledì 5 giugno

Avellino

Napoli e la contaminazione, una storia che si ripete da secoli.
Le più belle canzoni di Napoli re-interpretate da Marina Bruno.
Con
Giuseppe Di Capua pianoforte
Gianfranco Campagnoli tromba/flicorno
Tommaso Scannapieco contrabbasso
Claudio Romano batteria

Special guest Daniele Sepe

 


Leonardo Experience – Mostra – Centro Commerciale Campania

fino all’ 8 giugno

Napoli

Dal 10 maggio al 9 giugno al #CentroCampania..Da Vinci VR-Experience!

Un viaggio virtuale nel mondo di Leonardo da Vinci e delle sue macchine.
L’esperienza immersiva permette al giocatore di immergersi nella realtà virtuale 3D, entrando dentro al Carro Armato e interagendo con i suoi meccanismi, navigando con la Barca a Pale e ammirando il volo della Vite Aerea e dell’Ornitottero.

Vieni a scoprire la mostra nel nostro Digital Space, INGRESSO GRATUITO!


La donna che disse no di Pierpoaolo Saraceno

fino al 5 giugno

Napoli

Martedì 4 e mercoledì 5 giugno 2019 la Casa della Musica di Napoli ospita “La donna che disse no“, lo spettacolo di Pierpaolo Saraceno prodotto da Onirika del Sud, fondata a Roma nel 2013.

La compagnia – che non è mai stata finanziata da soldi pubblici e vive tutt’ora dei ricavi della vendita degli spettacoli che produce o che sono prodotti da altri teatri – è composta da artisti di esperienze diverse che si confrontano su diversi piani in cui ogni spettacolo non è mai lo stesso, ma varia a seconda dei casi, allargandosi e restringendosi. La creazione proviene, oltre che dalle singole esperienze, anche dall’osservazione attenta della quotidianità e soprattutto delle antiche tradizioni e culture proprie del Sud Italia, viste le nostre origini.

L’opera teatrale è liberamente tratta dalla vera storia di Franca Violala donna che per prima rifiutò il matrimonio riparatore e che divenne simbolo della crescita civile dell’Italia nel secondo dopoguerra e dell’emancipazione delle donne italiane. Nel 1965, a soli 17 anni, Franca fu rapita da Filippo Melodia, nipote del mafioso Vincenzo Rimi, e da altri suoi amici. La ragazza fu violentata per otto giorni. Il padre fu contattato dai parenti di Melodia per la cosiddetta “paciata”, ovvero per un incontro volto a mettere le famiglie davanti al fatto compiuto e far accettare ai genitori di Franca le nozze dei due giovani. Secondo la morale del tempo, una ragazza uscita da una simile vicenda, avrebbe dovuto necessariamente sposare il suo rapitore, salvando l’onore suo e quello familiare. All’epoca, inoltre, la Repubblica Italiana proteggeva con l’articolo 544 del codice penale il reato di violenza carnale il quale veniva estinto se l’aggressore sposava la sua vittima. Franca Viola si rifiutò di sposare Melodia e solo nel 1981 l’articolo venne abrogato; nel 1996 lo stupro sarà legalmente riconosciuto in Italia non più come un reato “contro la morale”, bensì come un reato “contro la persona”.

Essere Franca significa andare controcorrente, contro le regole stabilite dal popolo di quel tempo, siamo nel 1965; allontanarsi dal moralismo e dall’ipocrisia di certi ambienti tranquilli e puliti dove l’orrore c’è, ma è ben custodito lontano dalla vista.

Essere Franca significa provare l’ebbrezza della libertà, reggere il sacrificio della coraggiosa scelta, mettere in discussione l’esistenza di Dio. Un oscuro circo a ciel sereno, all’interno del quale ci si ama e ci si odia.

L’opera si apre con un sogno premonitore. La vera protagonista è solo una bambola, che assorbe tutta la storia di Franca. Filippo, uomo dalle mille maschere, è solo un’ intermediazione tra ciò che sta sul palcoscenico e gli spettatori. Un uomo appeso ad una quarta parete, in un continuo oscillare tra bene e male, tra amore e odio, tra libertà e incatenamento. Sul proscenio, esposti gli oggetti di un’ingenua fanciulla come simbolo di un passaggio temporale, che alla fine si rivelano come uniche cose pulite ed immutate. Un vestito da sposa come simbolo della sua verginità e del suo desiderio di matrimonio si contrappone ad un luttuoso abito nero, simbolo di un’atroce morte morale. Franca va spavalda incontro alla morte e se ne frega di finire tra le braccia della “Cosa Nostra” di quel tempo. La musica “Meridionale”, evidenzia lo sfruttamento delle donne, scava l’anima dello spettatore portandolo ad elaborare il vero concetto del tragico. Una sacra musica orchestrale, paragonabile a quella del Cristo Morto durante le processioni Pasquali del Sud Italia.

Lo spettacolo fa parte della rassegna “Controvento” che si propone di indirizzare l’attenzione del pubblico nei confronti della drammaturgia e della danza contemporanea intesa non solo come nuovi testi, ma anche come nuovi interpreti e nuove modalità espressive tutte rigorosamente al di sotto dei 35 anni di età.

L’intenzione è quella di stimolare un’attenzione particolare da parte delle giovani generazioni e di meglio articolare, completandola, la proposta teatrale del complesso Palapartenope. Una programmazione di spettacoli che recepisce il pullulare di creatività, di proposte, di movimenti, di fermenti intellettuali, di prosa, di musica, di danza e di tutto ciò che il mondo teatrale nazionale è portatore. La creazione di una rete regionale e nazionale che, promuove un’azione di sostegno per i giovani talenti italiani.

  • Dove: Via C. Barbagallo, 115, 80125 Napoli NA
  • Orario: 20.30
  • Info: 0815700008
  • Sito ufficiale
  • Costo: € 8,00 intero – € 5,00 ridotto
  • La prenotazione è obbligatoria.

Presentazione del libro A Destra Dell’arcobaleno

giovedì 5 giugno

Napoli

Presentazione del libro A DESTRA DELL’ARCOBALENO. Saranno presenti l’editore Antonio Esposito e gli autori Carlo kik Ditto e Enrico Pentonieri, Dott.ssa Francesca Gerla (moderatrice), Dott.ssa Tania Sabatino (letture) intervento di GIANLUCA MUSCARIELLO (autore della copertina).


Napoli Teatro Festival Italia, al via la sezione letteratura

fino al 6 giugno 

Napoli

Al via, presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, il programma della sezione letteratura del Napoli Teatro Festival Italia, diretto per il terzo anno da Ruggero Cappuccio, organizzato dalla Fondazione Campania dei Festival guidata da Alessandro Barbano, con SE/PRELUDI, l’anteprima dedicata ai poeti, curata da Silvio Perrella, che prevede 4 appuntamenti da aprile a giugno con ospiti internazionali.

Chiuderà la rassegna giovedì 6 giugno, alle ore 18.30, il Segretario Generale dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici Fiorinda Li Vigni con l’incontro “Verso Se”, un racconto del tema del se nell’eroe omerico, che farà da ponte alla settimana di giugno del NTFI dedicata alla letteratura.

Gli incontri SE/PRELUDI sono organizzati nell’ambito dell’edizione 2019 del Napoli Teatro Festival Italia, in collaborazione con Casa della Poesia di Baronissi e l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, sinergia che testimonia ancora una volta la rete culturale realizzata dal Festival.

La seconda parte della programmazione della sezione letteratura si svolgerà dal 20 al 26 giugno, nell’ambito del Napoli Teatro Festival, presso la nuova sede di Made in Cloister nel chiostro rinascimentale della Chiesa di Santa Caterina a Formiello.

Tra i poeti e gli scrittori, le cui parole si avvicenderanno sul palcoscenico, ci saranno Carlo Bernari, Giuseppe Patroni Griffi nell’adattamento di Nadia Baldi, Federica Giordano, Franca Mancinelli, Anna Maria Ortese, Ewa Lipska, Emanuele Cerullo e Achille Pignatelli, Antonio Trucillo, Francesco Iannone, Tiziano Scarpa, Pia Pera, Aleksandr Puškin, Rino Mele, Sandro Penna, Sotirios Pastakas.

  • Dove: Made in cloister, Piazza Enrico de Nicola, 48, 80139 Napoli NA
  • Orario: 18.30
  • Info: evento facebook

Studio 76 meets the artist: Gianni Bini

mercoledì 5 giugno

Salerno

Si chiude con successo l’anno accademico di Studio 76 Music Academy: appuntamento il 5 giugno all’Università degli Studi di Salerno con l’icona house Gianni Bini e con ViviUnisa.

Si conclude con successo l’anno accademico di Studio 76 Music Academy, residenza creativa del producer e dj Marco Montefusco (aka MARCO KEINE) e luogo di formazione dedicato alla nightlife e ai servizi di intrattenimento.

Ottimo riscontro anche per la novità didattica, ad integrazione dei corsi di deejaying e producing dell’anno: il nuovo corso per Speaker e Vocalist ha visto impegnati tra i professori Francesca Salemme, Francesca De Simone, Ivano Montano, Alessandro Ferro e si è avvalso della collaborazione di Lira Tv, Rcs75-Radio Castelluccio, Pupi&Pupe, Dolcevita e della direzione di Ertilia Giordano.

Importanti gli appuntamenti e i saggi-spettacolo che concluderanno la stagione formativa: i neo dj si esibiranno in un live presso la discoteca Dolcevita, monumento dell’intrattenimento, mentre i producer, dopo il successo della masterclass dello scorso anno con SDJM, gruppo rilevazione all’origine delle più grandi hit internazionali del panorama dance, incontreranno Gianni Bini, icona dello studio House of Glass e amministratore della label Oceantrax.
L’evento, unico nel suo genere, avrà luogo mercoledì 5 giugno 2019 presso l’Aula Foa dell’Università degli Studi di Salerno e anticiperà la nuova edizione di ViviUnisa, la manifestazione organizzata dall’Università degli Studi di Salerno in collaborazione con il Comune di Fisciano e Studio 76, partner storico dell’iniziativa sin dal suo lancio.
Un legame mai interrotto tra il mondo universitario e Marco Montefusco che è stato e sarà protagonista, con i suoi migliori allievi, di master, live, momenti di aggregazione, cultura divertimento in Piazza del Sapere.
Anche per quest’anno i posti sono limitati in previsione di un tutto esaurito dovuto alle tante attrazioni dell’evento e alle occasioni uniche che esso saprà offrire.
Si ringrazia Startup Audio, Midiware con il prodotto Ssl Fusion, Izotope che regalerà alcuni plug in, Acustica Audio distribuirà buoni del 40% di sconto sui propri prodotti, Cavaliere Quinto Fabio promuoverà sconti per la sola giornata del 5, Roland presenterà i prodotti della linea ddj con Marco Keine, mentre Gianluca Santoriello, giovanissimo docente dello studio76musicacademy, presenterà la sezione Boutique e Aira. Infine Lucio Carpentieri, Pressology distribution, chiuderà l’incontro con una panoramica del mercato discografico attuale.

“Un evento che sa di globale, che a Salerno non era mai avvenuto” – ha dichiarato Marco Montefusco, general manager di Studio 76 e co-fondatore di ViviUnisa – “Rappresenta solo il secondo tassello di un mosaico che porterà al raggiungimento di obiettivi ancora più importanti e che unirà il nostro studio all’Università abbattendo ogni barriera strutturale”.

Appuntamenti, momenti di formazione, iniziative che riconducono alle radici della musica: non è un caso, infatti, che il nuovo Ep di Marco, per l’etichetta Dolcevita Records, si chiami proprio “My Roots”, le mie radici.

Infine ringrazio lo staff dello studio 76 music academy e tutti i partners che si affidano alla nostra filosofia che rende possibile quel sogno chiamato musica.


LUCHÈ in concerto a Napoli


“Potere Summer Tour”

giovedì 6 giugno

Napoli

Luchè arriva sul palco del Exbase di Napoli il 6 Giugno 2019 con il suo “Potere Summer Tour” durante il quale porterà live alcuni dei brani tratti dal suo ultimo album.

  • Dove: Exbase di Bagnoli, Napoli
  • Orario: 21,30
  • Info: biglietto
  • Posto Unico: € 25,00 + d.d.p.

 


VISITA AL BUIO ALLE GROTTE DI CASTELCIVITA

fino al 31 maggio

Salerno

Dal 15 marzo al 31 maggio, ogni venerdì sabato e domenica alle Grotte di Castelcivita vi aspetta “Visita al Buio: in grotta come un vero esploratore” . Vivi l’avventura delle Grotte da vero esploratore! Ogni venerdì, sabato e domenica alle 15:00 sarà possibile provare l’emozionante avventura della visita al buio in Grotta. A tutti i visitatori sarà consegnato un comodo casco con torcia che permetterà di effettuare la visita in tutta sicurezza.Suggestioni e brividi per grandi e piccini, alla scoperta delle bellezze del nostro territorio.

  •  Dove: Contrada San Filippo, 84020 Castelcivita SA
  •  Orario: 15.00
  • Info: 0828.772397
  • info@grottedicastelcivita.com
  • Costo: Ingresso Adulti 13,00 euro (noleggio casco incluso)
    Bambini e Ragazzi fino a 12 anni 11,00 euro (noleggio casco incluso)

CHAGALL SOGNO D’AMORE

fino al 30 giugno

Napoli

Dal 15 febbraio al 30 giugno 2019 Chagall. Sogno d’amore rappresenta una straordinaria opportunità per ammirare più di 150 opere di Marc Chagall e ripercorrere la sua produzione artistica caratterizzata da un mondo elegante e utopistico, intriso di stupore e meraviglia. Sarà possibile ammirare opere nelle quali coesistono ricordi d’infanzia, fiabe, poesia, religione e guerra; un universo di sogni dai colori vivaci e di sfumature intense che danno vita a paesaggi popolati da personaggi, reali o immaginari, che si affollano nella fantasia dell’artista. Opere che riproducono un immaginario onirico in cui è difficile discernere il confine tra realtà e sogno.


Il Museo di Capodimonte: mostra su Caravaggio a Napoli!

fino al 14 luglio

Napoli

Promossa dal Museo e Real Bosco di Capodimonte e dal Pio Monte della Misericordia, con la produzione e organizzazione della casa editrice Electa, la mostra Caravaggio Napoli, curata da Maria Cristina Terzaghi e Sylvain Bellenger (fino al 14 luglio 2019), la mostra approfondisce il periodo napoletano di Caravaggio e l’eredità lasciata nella città partenopea.
Con un rigoroso approccio scientifico, mette a confronto 6 opere del Merisi, provenienti da istituzioni italiane e internazionali, e 22 quadri di artisti napoletani, che ne registrano immediatamente la novità venendone travolti, con soggetti ricorrenti nei dipinti del Maestro.

Al fine di poter garantire a tutti le migliori condizioni di visita è consigliabile la prenotazione.
Prenotazioni e acquisti online

 

Il biglietto della mostra dà diritto ad un ingresso ridotto al Pio Monte della Misericordia e viceversa.
Disponibili navette gratuite tra Capodimonte e Pio Monte della Misericordia (v. allegati) messe a disposizione dal Comune di Napoli e dal Museo.

  • Dove: Via Miano 2, 80131 Napoli (Italy), 80136 Napoli
  • Quando ? 09.00
  • Perché ? 848 800 288 dall’estero e da cellulare: + 39 06 399 67 050
  • www.coopculture.it
  • Costo: biglietto intero 15 euro (mostra + museo) ridotto 14 euro (mostra + museo), intero 14 euro (solo mostra) ridotto 11 euro (solo mostra)

Canova e l’antico al Mann

fino al 30 giugno

Napoli

Una grande mostra evento su Antonio Canova che porta a Napoli ben sei prestiti eccezionali dal Museo di San Pietroburgo, dove sono conservati il maggior numero dei capolavori in marmo del maestro. L’evento, reso possibile grazie a una serie di collaborazioni avviate nel 2017 con il Museo Statale Ermitage, metterà in relazione, per la prima volta, l’arte sublime dello scultore con l’arte antica e con i modelli che lo seppero ispirare.

Il percorso espositivo – a cura di Giuseppe Pavanello, affiancato da autorevoli studiosi e dalla direzione dei due musei promotori – accompagnerà i visitatori tra marmi e gessi di Canova, bozzetti, disegni e tempere del grande artista, in prestito da musei internazionali, posti accanto a capolavori delle raccolte del Mann.

  • Dove: Museo Archeologico di Napoli, Piazza Museo Nazionale,19, 80135 Naples, Italy
  • Orario: 09.00 – 17.00
  • Info: 848 800 288 – +39 06 399 67 050 da cellulari e dall’estero

Mostra sui dinosauri Napoli al cratere degli Astroni

fino al 10 novembre

Napoli

L’uomo potrebbe sopravvivere a un’estinzione di massa come quella che ha annientato i dinosauri dell’era mesozoica?

Per avere una risposta basta chiedere a chi di dinosauri se ne intende, come i paleontologi e gli artisti che, a partire dallo studio dei fossili, hanno riportato “in vita” i “Dinosauri in carne” e ossa nella Riserva Naturale Oasi WWF Cratere degli Astroni.

La mostra evento a tema preistorico che il crescente successo di pubblico in tutta Italia ha trasformato in un vero e proprio cult approda finalmente a Napoli in una veste affascinante confezionata su misura: oltre 6 kilometri di percorso in una natura incontaminata e i suggestivi interni della Torre Borbonica per ammirare le ricostruzioni a grandezza naturale di una quarantina di animali estinti tra cui dinosauri iconici come il temibile T-rex e il gigantesco Diplodoco.

Attraverso la visita sarà possibile scoprire perché i dinosauri si sono estinti nonché comprendere la dinamica evolutiva adattamento/estinzione e la necessità di tenerne conto anche oggi nell’approccio dell’uomo verso la natura.


Al PAN di Napoli una mostra celebra Muhammad Ali

fino al 16 giugno

Napoli

Il campione di pugilato Muhammad Ali viene celebrato al PAN di Napoli con una mostra fotografica (intitolata semplicemente Muhammad Ali) che ne ripercorre la vita e la carriera. In mostra dal 22 marzo al 16 giugno 2019, l’esposizione, che prende il nome dal celebre pugile, raccoglie 100 immagini, provenienti dai più grandi archivi fotografici internazionali quali New York Post Archives, Sygma Photo Archives, The Life Images Collection.

La mostra è aperta tutti i giorni (tranne il martedì) dalle 9.30 alle 19.30. Prezzo del biglietto: intero 10 €, ridotto 8 €, scuole 5 €.
Per tutte l informazioni potete telefonare al numero +39 081.3630018.

  • Dove: Teatro pan,Via dei Mille, 60, 80121 Napoli NA
  • Orario: 09.30
  • Info e prenotazioni:  081 795 8604

L’Oro dei Fuggiaschi in mostra nell’Antiquarium degli Scavi di Ercolano

fino al 30 settembre 2019

Ercolano

SplendOri. Il lusso negli ornamenti ad Ercolano è il titolo di una grande mostra che si terrà nel Parco Archeologico di Ercolano dalla fine di dicembre 2018 al 30 settembre 2019. L’evento sarà nell’Antiquarium, che viene aperto per la prima volta al pubblico alla fine della ristrutturazione.

Un evento che ci permetterà di ammirare oltre 100 gioielli che vengono presentati sul luogo stesso del ritrovamento, tutti monili preziosi appartenuti ai cittadini di Ercolano che tentavano di portarli in salvo durante la drammatica eruzione. Altri gioielli sono stati ritrovati nelle case dell’antica città.


La grande mostra su Corto Maltese e Hugo Pratt a Napoli

fino al 9 settembre 2019

Napoli

Dal 24 aprile all’8 settembre 2019, presso gli spazi del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, si terrà una mostra dedica a Hugo Pratt e, in particolare, a Corto Maltese, il mariano protagonista del più celebre ciclo di storie a fumetti dell’autore italiano.

L’esposizione, intitolata Corto Maltese – Un viaggio straordinario, presenterà un vasto percorso tematico proprio intorno a Corto Maltese, con 100 pezzi tra tavole originali, schizzi, fotografie e ingrandimenti. La mostra è inserita nell’ambito degli eventi del COMIC(ON)OFF ed organizzata da Comicon in collaborazione con CONG, Obvia e Rizzoli Lizard.

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, anche conosciuto con la sigla MANN, è uno dei musei più importanti della città. Nel 2018 ha preso parte al progetto Fumetti nei museipubblicato da Coconino Press. Sul MANN la fumettista Zuzu ha realizzato la storia Super Amedeo.

  • Dove: Museo Archeologico di Napoli, Piazza Museo Nazionale,19, 80135 Naples, Italy
  • Orario: 09.00 – 19.30
  • Info e prenotazioni: https://www.museoarcheologiconapoli.it/it/
Please follow and like us:

Biografia Giovanna Attruia

Giovanna Attruia
Appassionata di cinema, cucina e serie TV. Creare e sperimentare sono alla base di tutto quello che faccio. Costruire mi rilassa, parafrasando Archimede, datemi un avvitatore e vi costruirò una cattedrale. Per questo mi rifugio dietro le quinte di un teatro appena posso. Contribuire a creare la magia di uno spettacolo é qualcosa di unico. Adoro cucinare. Dalla pizza al sushi, la cucina per me non ha segreti.

Check Also

Eventi Napoli e Campania: Agenda del Weekend 30 ottobre – 1 novembre

Si ricorda che, a seguito dell’Ordinanza n. 83 del 22 ottobre 2020 della Regione Campania, …