“FINCHE’ IL CAFFE’ E’ CALDO” DI TOSHIKAZU KAWAGUCHI. RECENSIONE

 

Trama: Un tavolino, un caffè, una scelta. Basta solo questo per essere felici.

ECCO LE 5 REGOLE DA SEGUIRE:
1. Sei in una caffetteria speciale. C’è un unico tavolino e aspetta solo te.
2. Siediti e attendi che il caffè ti venga servito.
3. Tieniti pronto a rivivere un momento importante della tua vita.
4. Mentre lo fai ricordati di gustare il caffè a piccoli sorsi.
5. Non dimenticarti la regola fondamentale: non lasciare per alcuna ragione che il caffè si raffreddi.

In Giappone c’è una caffetteria speciale. È aperta da più di cento anni e, su di essa, circolano mille leggende. Si narra che dopo esserci entrati non si sia più gli stessi. Si narra che bevendo il caffè sia possibile rivivere il momento della propria vita in cui si è fatta la scelta sbagliata, si è detta l’unica parola che era meglio non pronunciare, si è lasciata andare via la persona che non bisognava perdere. Si narra che con un semplice gesto tutto possa cambiare. Ma c’è una regola da rispettare, una regola fondamentale: bisogna assolutamente finire il caffè prima che si sia raffreddato. Non tutti hanno il coraggio di entrare nella caffetteria, ma qualcuno decide di sfidare il destino e scoprire che cosa può accadere. Qualcuno si siede su una sedia con davanti una tazza fumante. Fumiko, che non è riuscita a trattenere accanto a sé il ragazzo che amava. Kotake, che insieme ai ricordi di suo marito crede di aver perso anche sé stessa. Hirai, che non è mai stata sincera fino in fondo con la sorella. Infine Kei, che cerca di raccogliere tutta la forza che ha dentro per essere una buona madre. Ognuna di loro ha un rimpianto. Ognuna di loro sente riaffiorare un ricordo doloroso. Ma tutti scoprono che il passato non è importante, perché non si può cambiare. Quello che conta è il presente che abbiamo tra le mani. Quando si può ancora decidere ogni cosa e farla nel modo giusto. La vita, come il caffè, va gustata sorso dopo sorso, cogliendone ogni attimo. Finché il caffè è caldo è diventato un caso editoriale in Giappone, dove ha venduto oltre un milione di copie. Poi ha conquistato tutto il mondo e le classifiche europee a pochi giorni dall’uscita. Un romanzo pieno di fascino e mistero sulle occasioni perdute e sull’importanza di quelle ancora da vivere.

Garzanti Editore

 

Recensione: Un libro che dalla sinossi promette una lettura leggera e fantasiosa, ma dentro le sue pagine c’è molto di più.

La scrittura rispecchia appieno lo stile giapponese: delicato, sensibile, mai sopra i toni, regalando emozioni al lettore. Una storia, anzi, direi più storie, più precisamente quattro, che si intrecciano nei pochi metri quadrati di un bar sotto il livello della strada, un luogo lontano dal tempo dove, non ci si accorge del tempo che scorre: non ci sono finestre e solo uno dei tre orologi da parete segna l’ora esatta.

Una leggenda: la possibilità di viaggiare nel tempo a patto che si seguano determinate regole, ma non tutti hanno il coraggio di farlo perchè nulla potrà modificare il presente ed il futuro. Solo chi ama davvero, solo chi non ha intenzione di intaccare il destino sarà pronto per tale passo.

La possibilità di non avere rimpianti e rimorsi, di poter dire una parola, fare un gesto mancati, l’opportunità di una manifestazione che non modificherà il corso di alcune cose, ma che farà stare bene.

Un messaggio chiaro: dare importanza ai sentimenti e manifestarli senza vergogna o remore perchè già domani potrebbe essere troppo tardi.

Carpe diem!

 

Toshikazu Kawaguchi è nato a Osaka, in Giappone, nel 1971, dove lavora come sceneggiatore e regista. Con Finché il caffè è caldo, suo romanzo d’esordio, ha vinto il Suginami Drama Festival.

 

Please follow and like us:

Biografia Cristiana Abbate

Cristiana Abbate
Veterinaria pentita e mamma convinta.Si ritiene propositiva e per nulla diplomatica .Grande appassionata di viaggi e divoratrice di libri. Malata di shopping e con il conto in banca fisso sul rosso.

Check Also

PABLO TRINCIA E CONCETTO VECCHIO, VINCITORI EX EQUO DEL PREMIO ESTENSE 2020

Nato nel 1965, il Premio Estense è destinato a un volume, regolarmente in commercio, di …