IL NAPOLI FEMMINILE SCONFITTO IN CASA DALLA ROMA NEL FINALE

NAPOLI FEMMINILE – AS ROMA 0-1
NAPOLI FEMMINILE (4-2-3-1) Baldi; Abrahamsson, Di Marino, Golob, Awona; Mauri (dal 20’ s.t. Sara Tui), Severini; Acuti (dal 40’ s.t. Pinna), Colombo (dal 20’ Goldoni), Popadinova (dal 30’ s.t. Errico); Soledad (Aguirre, Garnier, Corrado, Toniolo, Caputo). All.: Domenichetti
AS ROMA (3-5-2) Lind; Di Guglielmo, Linari, Pettenuzzo; Serturini (dal 30’ s.t. Pirone), Bernauer (dal 13’ s.t. Glionna), Giugliano, Greggi, Haavi; Lazaro, Greggi (Ceasar, Corelli, Borini, Pacioni, Bergesen, Battistini, Petrara) All.: Spugna
MARCATORI: Haavi (R) 36’ s.t.
ARBITRO: Angelucci di Foligno (Basile-Carrelli/Tropiano)
Note: ingresso gratuito a Cercola, spettatori 300 circa. Giornata di sole, terreno sintetico. Amm.: Abrahamsson, Sara Tui (N), Pettenuzzo (R) Rec.: 1’ p.t., 5’ s.t.
Il Napoli Femminile ha lottato con determinazione fino al 96’ ma la Roma ha vinto di misura nel finale con una rete di Haavi sugli sviluppi di una punizione. Buona prestazione delle azzurre che inseguono l’Empoli a quattro punti di distanza.
Con Erzen che non è riuscita a recuperare, Chatzinikolaou vittima di un problema ad un ginocchio e Zavarese che si sta “”negativizzando”, Domenichetti e Castorina hanno scelto Abrahamsson come terzino destro confermando Golob e Mauri nell’asse centrale completato da Soledad (chiamata a tanto lavoro sporco).
Primo sussulto giallorosso con Giugliano, destro parato dall’ex di turno Baldi (all’esordio in azzurro). Miracolosa Baldi al 10’ su mancino all’angolino di Serturini (tra le più vivaci in assoluto). Copia e incolla poco dopo con il diagonale destro di Paloma “sporcato” dalle dita di Baldi. Al 19’ proteste Napoli per un contatto in area ospite tra Pettenuzzo e Popadinova. Più equilibrata la seconda parte di frazione con Severini sugli scudi e Baldi ancora protagonista su Serturini. Ripresa al via senza cambi e con la Roma che ha alzato il ritmo (parata di Baldi su Andressa). Tanta pressione e poche conclusioni fino al 37’ quando su punizione di Glionna c’è stata l’ennesima grande parata di Baldi con Haavi che di testa ha messo in rete sulla respinta. La reazione del Napoli si è concretizzata nel destro di Goldoni nel recupero, bloccato a terra da Lind, e nel colpo di testa di Di Marino svanito in alto come le speranze azzurre.
Please follow and like us:
fb-share-icon

Biografia Jacques Pardi

La laurea in ingegneria gli ha fatto perdere i capelli ma non le tante (troppe?) passioni, dallo sport (soprattutto il Napoli, calcio e basket, ma più che di passione qui parliamo di...malattia), al cinema, dalla musica alle serie tv, fino (inevitabilmente) ai fumetti. La moglie e le due figlie queste passioni spesso le supportano, altrettanto spesso le...sopportano. Un autentico e fiero "nerd partenopeo" insomma, incurante dell'età che avanza, con un sogno nel cassetto: scrivere di quello che ama

Check Also

Insigne saluta, terzo posto al sicuro e si guarda già al futuro

Terza vittoria consecutiva per il Napoli dopo la “grande depressione” che é costata polemiche e …