NAPOLI FEMMINILE, CHE PECCATO: IL SASSUOLO PASSA DI MISURA

NAPOLI-SASSUOLO 0-1
MARCATORI: Santoro 13’ s.t.
NAPOLI (4-3-3) Tasselli; Oliviero, Huynh, Árnadóttir, Fusini (dal 16’ s.t. Cafferata); Errico, Huchet, Pedersen (dal 16’ s.t. Jansen); Kubassova, Rijsdijk, Hjohlman (Boaglio, Groff, Di Marino, Capparelli, Risina, Nencioni, Beil). All.: Pistolesi
SASSUOLO (3-4-1-2) Lemey; Lenzini, Filangieri, Orsi; Santoro, Tomaselli (dal 39’ s.t. Cambiaghi), Mihashi, Brignoli; Battelani (dal 25’ s.t. Pellinghielli); Pirone, Monterubbiano (Lugli, Lauria, Spallanzani, Philtjens). All.: Piovani
ARBITRO: Turrini di Firenze (D’Elia-Niedda)
Amm.: Huynh (N), Pirone, Santoro (S). Rec. 1’ p.t., 6’ s.t.
Note: porte chiuse al Caduti di Brema.

Sconfitta di misura e con rammarico per il Napoli Femminile a Barra contro il Sassuolo. Dopo un primo tempo di marca ospite, azzurre punite nella ripresa da Santoro quando invece avrebbero meritato il pareggio. Pistolesi ha provato a fare di necessità virtù dovendo rinunciare a Goldoni, Deppy, Popadinova, Perez (infortunate), e Nocchi (squalificata) ma anche Piovani è stato costretto a rinunciare al talento delle indisponibili Bugeja e Dubcova.

Partenza forte delle azzurre, che dopo pochi secondi reclamano un penalty per una presunta trattenuta su Rijsdijk. Al 9’ clamorosa traversa di Mihashi per il Sassuolo con un destro potente da dentro l’area: palla che supera Tasselli, batte sul legno e poi sulla linea. Eccezionale il portiere azzurro al 24’ sul destro di Monterubbiano, deviato miracolosamente sul palo. Se possibile, ancor più bello l’intervento del portiere ex Juve sul colpo di testa di Pirone un minuto dopo. Timida reazione del Napoli con un destro da fuori di Rijsdijk mentre Battelani di testa sfiorava il bersaglio grosso per le ospiti. Migliore occasione Napoli al 44’ con un mancino di Fusini in diagonale bloccato a terra da Lemey.

Inizio ripresa con una paio di mischie in area azzurra risolte da Tasselli. Pericoloso il Napoli al 10’: spizzata di Errico e mancino da posizione defilata di Rijsdijk parato a terra da Lemey. Tre minuti dopo Sassuolo in vantaggio su azione d’angolo: testa di Pirone, miracolo di Tasselli e sulla respinta Santoro appoggia in rete da due passi. Azzurre vicinissime al pareggio con Hjohlman – su errore di Mihashi – ma Lemey era bravissima in uscita bassa a sventare il pericolo. Sfortunate le partenopee al 36’: clamoroso – infatti – l’incrocio dei pali colpito da Kubassova con un tiro dai venticinque metri con il portiere che non ci sarebbe arrivato. Da quel momento, tante mischie in area ospite ma tutte risolte con sicurezza da Lemey, che metteva le mani sulla vittoria del Sassuolo.

Please follow and like us:

Biografia Jacques Pardi

Jacques Pardi
La laurea in ingegneria gli ha fatto perdere i capelli ma non le tante (troppe?) passioni, dallo sport (soprattutto il Napoli, calcio e basket, ma più che di passione qui parliamo di...malattia), al cinema, dalla musica alle serie tv, fino (inevitabilmente) ai fumetti. La moglie e le due figlie queste passioni spesso le supportano, altrettanto spesso le...sopportano. Un autentico e fiero "nerd partenopeo" insomma, incurante dell'età che avanza, con un sogno nel cassetto: scrivere di quello che ama

Check Also

Fabian-Victor: il Napoli va ma in testa vincono tutte.

Atteso dal riscatto dopo la sconfitta del recupero allo Stadium, il Napoli non si fa …