NUOVA ORCHESTRA SCARLATTI | 26° Concerto di Capodanno della Nuova Orchestra Scarlatti

Sabato 1 gennaio 2022 alle ore 19.30, al teatro Mediterraneo della Mostra d’Oltremare, a Napoli in Viale Kennedy 54, si terrà il 26° Concerto di Capodanno della Nuova Orchestra Scarlatti con protagonisti il soprano Naomi Rivieccio, il tenore Stefano Sorrentino e i musicisti della Nuova Orchestra Scarlatti diretti da Marco Attura. Musiche di G. Rossini, G. Verdi, G. Bizet, J. Strauss  jr., J. Brahms, F. Peter, J. Offenbach, Ch. Gounod, V. Monti, T. Cottrau e altri.

Si rinnova al Teatro Mediterraneo della Mostra d’Oltremare di Napoli l’appuntamento con il Concerto di Capodanno della Nuova Orchestra Scarlatti, giunto alla sua ventiseiesima edizione e mai tanto atteso come quest’anno, dopo la pausa pandemica del 2021.

Con la Nuova Orchestra Scarlatti, diretta da Marco Attura, e con le voci del tenore Stefano Sorrentino e del soprano Naomi Rivieccio, la festa musicale di inizio anno torna con un programma sinfonico-vocale ricco e vario: da Rossini al Verdi di Traviata e Rigoletto; dalla Carmen di Bizet a Gounod con la sua sognante Giulietta; dalla Csárdás di Vincenzo Monti, in una scoppiettante versione orchestrale, ad Addio a Napoli, cavallo di battaglia di Enrico Caruso; non mancheranno Brahms con le sue Danze ungheresi; Offenbach con il suo Orfeo e il suo Cancan; Strauss con la sua Spanisch Marsch e le sue Polke veloci, e altre divertenti chicche da non perdere.

Biglietti: euro 22.00 + diritti di prevendita.

Per maggiori info clicca qui

 

Please follow and like us:
fb-share-icon

Biografia Veronica Cardella

Classe 1983, Cancro ascendente Capricorno. Amante della scrittura, dei libri e di tutto quello che fa porre domande. A 9 anni decido di voler fare la giornalista, ma la vita mi ha portato su altri lidi. Non ho abbandonato la passione per la scrittura che provo a coniugare con quella per la lettura e il teatro.

Check Also

“19:34” o il ricordo del Terremoto dell’80 al Mann

“Credetemi, il modo migliore di ricordare i morti è quello di pensare ai vivi” diceva …