PICCOLA RIFLESSIONE DELL’ INCAZZATA TECNOLOGICA SU HALLOWEEN

Oggi 31 Ottobre è Halloween, festa di origine celtica che decretava la fine dell’estate (Samhain) e l’inizio del nuovo anno. Successivamente Papa Gregorio IV istituì la festa di Ognissanti, il primo novembre, per dare continuità col passato pagano, sovrapponendo le due feste. Con l’avvento del Protestantesimo, si è perso ogni collegamento con la tradizione cattolica e successivamente sono stati introdotti i festeggiamenti in costume per esorcizzare la morte e gli spiriti malvagi e il “Dolcetto o Scherzetto” che tanto piace ai bambini.

Da un paio di decenni, Halloween è arrivato anche in Italia e ogni anno, con l’avvicinarsi di questo particolare periodo è uno scatenarsi di scene di panico e sproloqui su Facebook, Whatsapp e social vari ed eventuali, di genitori che accusano tale festa di essere portatrice di peccati e istigatrice del Demonio. Vi svelo un segreto: ai ragazzini non gliene frega assolutamente nulla del Paganesimo, di Satana, di Jack-o’-lantern e degli spiriti cattivi, a loro interessa solo mascherarsi da mostri e strafogarsi di dolci. E lo sapete perché? Perché è divertente, punto. E loro sono bambini, punto esclamativo.
Lasciateli divertire, senza tirare in ballo Belzebù, che con tutto il male che c’è nel mondo ogni giorno, di sicuro non aspetta proprio la notte del 31 ottobre per fare festa.

A dirla tutta, i defunti fanno parte della tradizione popolare da sempre basta pensare al Messico o alla nostra Sicilia: il 2 novembre i bambini ricevono regali dai loro parenti morti (che allegria),  e si mangiano dolci a forma di osso.  Halloween non ha mai fatto male a nessuno

Please follow and like us:

Biografia Maggie Lee

Maggie Lee
Anche se non sembra sono nata a Milano, ma sono di origini siculo-calabresi: da lì derivano i miei colori poco “nordici”. Sono laureata in Psicologia e sto frequentando la magistrale. I miei amici sostengono che ho un sesto senso innato per capire le persone, soprattutto quelle cattive, cosa che talvolta è più una maledizione che un dono. Cerco di interessarmi a po' di tutto, ho una passione per Wikipedia e mi diletto di cucina e fai da te. Sono il tuttofare tecnologico della famiglia, per qualsiasi cosa abbia dei pulsanti o, ultimamente, uno schermo touch. Amo le tecnologie semplici che semplificano la vita. Viaggio parecchio per amore, i mezzi di trasporto tedeschi non hanno più segreti per me, adoro la loro puntualità, ma odio la loro mancanza di elasticità e, naturalmente, la maggior parte del loro cibo.

Check Also

Dirt 5 [RECENSIONE – PLAYSTATION 4]

Di cosa si tratta? Dirt 5 è l’ultimo capitolo di una serie nata nel  2007 …