Ricetta Originale Napoletana
Dolci Natalizi

Roccocò: profumo di Natale.

Se chiudi gli occhi e pensi al Natale senti un profumo che non ha eguale…recita una poesia natalizia. Un odore piacevole, intenso, di cibo e dolci appena sfornati. Un aroma speziato che sa di tradizione, che sa di famiglia. A Napoli, tra i dolci tipici della tradizione natalizia, c’è n’è uno in particolare che racchiude questo profumo gradevole e speciale: il roccocò. Il roccocò è un dolce a base di mandorle, farina, zucchero e una miscela di quattro spezie: noce moscata, cannella, chiodi di garofano e coriandolo. Questa combinazione di spezie si chiama “Pisto” e lo si può acquistare in tutte le drogherie. Ad ogni buon conto è possibile prepararlo in casa dosando le spezie secondo una proporzione ben precisa: 30% Chiodi di Garofano, 30% di Noce Moscata, 20% di Cannella e 20% di Coriandolo, tutto naturalmente macinato.

Il roccocò ha origini antichissime. La sua prima preparazione risale al 1320 ad opera delle monache del Real Convento della Maddalena, istituito da Sancha D’Aragona moglie del Re Roberto D’Angiò, per accogliere e salvare le prostitute. All’epoca i rapporti tra il Regno di Napoli e la Francia era ottimi ecco perché, riguardo al nome da dare a questo dolce dalle caratteristiche organolettiche particolari, le monache si fecero influenzare proprio da un termine francese e precisamente “roccaille”, a causa della forma barocca e tondeggiante e della consistenza dura come una roccia.

Il “roccaille” o “roccocò francese” è infatti un particolare tipo di decorazione in voga tra il XVII e il XVIII secolo. Questa decorazione prorompente, ricca di curve, ondulazioni e forme modellate sulla natura, veniva utilizzata per ornare sia ambienti esterni, come i giardini, che ambienti interni e veniva realizzata utilizzando conchiglie, rocce, pietruzze e stalattiti artificiali. Tradizionalmente il roccocò ha una consistenza piuttosto dura, quasi “spaccadenti” che lo rende perfetto per essere intinto nel liquore. Nelle pasticcerie napoletane però, è facile trovare anche la versione leggermente più morbida. Per prepararla in casa basta diminuire il tempo di cottura. Se non li avete ancora mai assaggiati, questa è la ricetta originale e perfetta. C’è chi aggiunge i canditi all’impasto ma sappiate che la ricetta originale non li prevede.

… lo senti nell’aria? Natale è tornato!

 

Please follow and like us:
fb-share-icon

Biografia Giovanna De Sangro

Food blogger italiana da sempre appassionata di cucina e scienze dell’alimentazione. Diplomata “Economa Dietista” e specializza come “Tecnico Esperto del Settore Agro-Alimentare”, è fondatrice del sito internet e video blog “Cucina per Te”. Un nuovo portale culinario dedicato a tutti gli amanti del “mangiar bene” e rivolto sia a chi è alle prime armi in cucina che agli esperti del settore.

Check Also

Burro alla cannabis: cos’è, a cosa serve e come si prepara

Quando si parla della cannabis, è necessario ricordare che, oggi come oggi, sempre più persone …