Tra Uber e Flixibus spunta Google!

In questo periodo di lotte fra Uber, Flixibus, Taxi e le istituzioni italiane, la WAYMO, ramo d’azienda di Google, che sviluppa le auto senza conducente, ha denunciato un ex capo progettista di essersi impropriamente impossessato di una tecnologia, andando successivamente a consegnarla ad Uber.

La Waymo iniziò a progettare auto senza conducente ben 8 anni fa, inizialmente in sordina, poi fu acquistata da Google e venne allo scoperto.

La denuncia, presentata in questi giorni alla corte federale di San Francisco, presenta svariate prove a carico di Anthony Levandowski, ex capo progetto, che avrebbe scaricato indebitamente 14.000 file, riguardanti i progetti di una tecnologia importantissima, prima di dar vita alla sua start-up “OTTO”. Uber successivamente ha acquistato OTTO per 680 milioni, quindi ha acquistato anche la tecnologia in questione.

Per chi non conoscesse Uber è un servizio di car sharing che consente al conducente di avere un guadagno extra e al passeggero di arrivare a destinazione velocemente e risparmiando, un taxi con un costo inferiore.

Mentre Flixibus è\era (non si è capito ancora bene se è già illegale o meno) un servizio di trasporto tramite bus il cui costo minimo è\era di 1€ a tratta. (Napoli-Roma 1€ per esempio.)

Please follow and like us:

Biografia Mattia La Rana

Mattia La Rana, nato a Trieste ma di adozione napoletana, è uno studente, in procinto di laurea, di Economia Aziendale. E’ appassionato di fotografia, smartphone e di console, più in generale di tutto ciò che è tecnologico. Il suo motto: “ Stay hungry, stay foolish”

Check Also

Kaspersky Interactive Protection Simulation integra scenari disponibili con la realtà virtuale

Kaspersky ha introdotto la realtà virtuale all’interno del gioco di simulazione di business strategico, Kaspersky …