Un pericolo per molte tastiere wireless: arriva il “Keysniffer”

key

Un’ azienda specializzata in cybersicurezza ha scoperto una  vulnerabilità relativa alle tastiere wirless con la quale è possibile venire così in possesso di dati sensibili come password e numeri di carte di credito. La tecnica è stata battezzata Keysniffer e colpisce i dispositivi prodotti da ben otto (Anker, EagleTec, General Electric, Hewlett-Packard, Insignia, Kensington, Radio Shack e Toshiba) delle dodici aziende testate.

Secondo Ivan O’Sullivan, autore della ricerca, ha affermato che la vunerabilità deriva dal fatto che molte tastiere senza fili trasmettono al computer la sequenza dei tasti premuti senza proteggerla con alcuna cifratura.

“Non ci saremmo mai aspettati che nel 2016 queste aziende vendessero tastiere prive di protezioni”.

Questi dispositivi anziché connettersi al computer tramite Bluetooth (lo standard attualmente ritenuto più sicuro per comunicazioni di questo tipo) usano alternative wireless molto meno affidabili.

I ricercatori  hanno analizzato questi dispositivi per  capire come venissero inviati e decodificati i segnali. Le vulnerabilità sono apparse subito evidenti:  le sequenze di tasti premuti vengono inviate e ricevute in chiaro, senza alcun tipo di cifratura.

Così servendosi di un semplice transponder radio  utilizzato per controllare a distanza i droni i ricercatori sono riusciti a intercettare le sequenze della tastiera da una distanza di circa 80 metri.

E’ anche possibile “ingannare” il trasmettitore, inviando falsi segnali che corrispondono a sequenze di tasti mai digitate. Le aziende produttrici delle tastiere incriminate dicono di essere al corrente della vulnerabilità e di essere già al lavoro per risolverla. Secondo gli esperti però l’unico modo per proteggere la propria privacy è utilizzare tastiere Bluetooth o tornare ai vecchi dispositivi con filo.

Please follow and like us:

Biografia Danilo Battista

Danilo Battista
Appassionato sin da piccolo della cultura giapponese, è stato rapito tanti anni fa da Goldrake e portato su Vega. Tornato sulla Terra la sua viscerale passione per l'universo nipponico l'ha portato nel corso degli anni a conoscere ed amare ogni sfumatura della cultura del Sol Levante. Su Senzalinea ha cominciato a scrivere di tecnologia e di cosplay. Da diverso tempo gestisce la sezione "Nerdangolo" ma ha promesso che un giorno, neanche tanto lontano, tornerà su Vega...

Check Also

Giornata Europea delle Lingue (26.9) – Un sondaggio di Wiko svela quali sono le abitudini e le preferenze linguistiche degli italiani online

– Si stima che siano tra le 6 e le 7 mila le lingue parlate …