ANTICHI MESTIERI NAPOLETANI: O’ FRANFELLICCO

Fra gli antichi mestieri Napoletani troviamo il Franfellicaro, il classico venditore ambulante di dolciumi. Una figura singolare che con il suo carrettino, su cui vi erano: una pentola, un fornello ed un tavolo di marmo.

questo tavolo aveva da un lato infisso un palo che terminava con un grosso chiodo d’ottone, dove con abile maestria trasformava la melassa, sciropposo derivato dalla lavorazione delle barbabietole, in chicche dolcissime, profumate: il franfellicco.

Dopo la cottura le franfellicchie erano fatte raffreddare e divenute solide, venivano poste su un apposito gancio. A quel punto l’uomo avvertiva, attraverso le grida, del suo arrivo. Secondo alcuni scrittori sembra che il venditore di franfellicchie, per attirare l’attenzione dei passanti gridasse: “Guaglio’ accàttate ‘o franfellicco, Tuosto tuo’, ‘o franfellicco! Cinche culure e cinche sapure pe’ ‘nu sordo! Ragazzi comprate questi bastoncini di zucchero, molto duri di cinque colori e di cinque sapori, per solo un soldo. Ovviamente, i bambini ed golosi di tutte le età, accorrevano al suo richiamo per gustare le sue leccornie. Oggi questo mestiere è scomparso completamente.

.

Il poeta napoletano Alfredo Gargiulo, nel 1928, dedicò perfino una poesia a questo mestiere oramai scomparso intitolata proprio, ‘e franfellicche.

E FRANFELLICCHE

” Doje paparelle ‘e zucchero,
tre o quatto sigarette ‘e ciucculata;
nu perettiello chino d’acqua e ccèvoza,
cu dint’ ‘a ficusecca sceruppata.
Po’ ‘e franfellicche: al massimo,
nu trenta franfellicche ‘e ogni culore;
cierte so’ chine ‘e povere,
cierte se so’ squagliate p’ ‘o calore.
Pure pare incredibile,
io ce sto riflettenno ‘a ‘na semmana):
ncopp’ a nu bancariello e a ‘sti tre prùbbeche,
ce campa, spisso, na famiglia sana 

 

Please follow and like us:
fb-share-icon

Biografia Luciana Pasqualetti

Fiorentina di nascita ma napoletana con il cuore. Appassionata di cucina, storie e racconti su Napoli. Entusiasta per tutto ciò che è antico, non disdegnando il nuovo. Ama la puntualità e non sopporta l'approssimazione.

Check Also

LA STORIA DELLA TARGA DELL’OSPEDALE DELLA PACE

Dio m’arrassa da mali vicine, d’arraggia canina,e d’a buscìa e ommo da bbene!” Cioè: “Dio …