Coppia respinta. Discriminazione omofoba a Bacoli

Dopo il caso della giovane lesbica respinta ad un colloquio di lavoro a Roma, perché giudicata “troppo mascolina”, un altro episodio di deprecabile discriminazione omofoba si è registrato, in questi giorni, a Bacoli, ai danni di una coppia gay. Come appreso da diverse fonti giornalistiche che hanno riportato la denuncia, nonché dal profilo Facebook di uno dei diretti interessati, a due ragazzi, uniti civilmente ( anche se, in attesa di una piena parità legislativa, preferiamo definire sposati) è stato impedito l’accesso ad un locale, a quanto sembra, proprio per via del loro orientamento sessuale. I gestori dello stabile pare che abbiano persino specificato che per loro sia da intendersi come coppia solo quella composta da un uomo e una donna; come in un Family Day qualunque, durante uno sproloquio delirante sulla fantomatica “Teoria Gender”. L’aspetto ancor più grave è che gli stessi titolari, una volta sopraggiunti i carabinieri, sembra abbiano cercato di correggere il tiro, ma in maniera ancor più offensiva, sostenendo che i due fossero ubriachi; cosa prontamente smentita dai coniugi, i quali si sono dichiarati disposti a sottoporsi ad un alcol test.

Restiamo, ovviamente, sconcertati dinanzi a questa notizia che, come altre, riporta le lancette dell’orologio indietro nel tempo e palesa ancora un problema in termini di uguaglianza e rispetto. Esiste, invero, un’Italia che va a due velocità, da un lato una dove la realtà delle coppie same-sex è pienamente accolta ed integrata, ed un’altra, invece, arroccata su posizioni retrive, che teme il confronto con la diversità e pensa di poterla negare. Di certo, tanti passi in avanti sono stati compiuti, come ad esempio l’approvazione della legge sulle Unioni Civili – sebbene essa sia tardiva e parziale rispetto al matrimonio egualitario previsto nella stragrande maggioranza dei paesi dell’Occidente del mondo – ma tanto è ancora, appunto, il percorso da percorrere. Manca all’appello, in aggiunta, pure una previsione legislativa chiara di contrasto all’omo-transfobia, quanto mai necessaria.

Ciononostante, il dato da salutare con successo è, però, quello relativo al fatto che, ormai, quando si verificano questi episodi, spesso si denuncia e la solidarietà, la reazione e lo sdegno di tanta parte della società civile non mancano ad arrivare. Come in questo caso trattato, dove oltre al pronto interessamento dell’attore Gianfranco Gallo, è giunto, tra gli altri, anche il sostegno della senatrice Monica Cirinnà, relatrice e prima firmataria del disegno di legge sulle Unioni Civili.

Please follow and like us:
fb-share-icon

Biografia Angelo Potenza

Nato a Potenza nel 1993. Dopo aver conseguito la maturità classica nella si è iscritto alla facoltà di Giurisprudenza della Università Federico II di Napoli, dove attualmente vive."La Storia, la scrittura e il mondo dell'informazione sono le mie passioni più grandi. E poi, naturalmente, c'è Napoli, insieme a tutta la nostra terra, a far da sfondo non solo agli occhi ma ad ogni pensiero."

Check Also

“Immacolata intercessione” il nuovo romanzo di Carlo kik Ditto

Nel suo ultimo lavoro, Carlo kik Ditto ha dipinto un mondo, rafforzato dallo splendido scenario …