LA LEGGENDA CAMPANA DE’ I GIORNI DELLA MERLA

Secondo la tradizione popolare il 29, 30 e 31 gennaio le temperature dovrebbero essere molto rigide.
Questi giorni sono conosciuti anche come i tre giorni della merla. Di solito secondo la   temperatura di queste tre giornate si può prevedere come sarà la primavera. Se i giorni della merla saranno freddissimi allora la primavera non si farà attendere, se invece il clima sarà clemente essa tarderà ad arrivare e non sarà poi così bella.

Ma perché si dice “giorni della merla”? Da dove deriva questo particolare modo di dire

Tante sono le leggende che avvolgono questi giorni e una merla, ma io vi scriverò di quella più diffusa in Campania.

Durante gli ultimi giorni del mese di Gennaio si racconta che un papà merlo dovendo cercare del cibo per i piccoli, decise di lasciare mamma merla e i suoi pulcini accanto a un camino per consentire loro di scaldarsi in quella giornata freddissima mentre lui sarebbe andato via. Al suo ritorno però riuscì a stento a riconoscere la sua famiglia, perché, tutti coperti di fuliggine. Dato che faceva tanto freddo, anche il merlo maschio decise di ripararsi accanto alla famiglia. I primi giorni di Febbraio i merli uscirono dal loro nido ed anche il merlo maschio era diventato nero: da quel momento, si dice che tutti i merli nacquero neri.

Secondo la tradizione popolare il 29, 30 e 31 gennaio le temperature dovrebbero essere molto rigide.
Questi giorni sono conosciuti anche come i tre giorni della merla. Di solito secondo la   temperatura di queste tre giornate si può prevedere come sarà la primavera. Se i giorni della merla saranno freddissimi allora la primavera non si farà attendere, se invece il clima sarà clemente essa tarderà ad arrivare e non sarà poi così bella.

Ma perché si dice “giorni della merla”? Da dove deriva questo particolare modo di dire

Tante sono le leggende che avvolgono questi giorni e una merla, ma io vi scriverò di quella più diffusa in Campania.

Durante gli ultimi giorni del mese di Gennaio si racconta che un papà merlo dovendo cercare del cibo per i piccoli, decise di lasciare mamma merla e i suoi pulcini accanto a un camino per consentire loro di scaldarsi in quella giornata freddissima mentre lui sarebbe andato via. Al suo ritorno però riuscì a stento a riconoscere la sua famiglia, perché, tutti coperti di fuliggine. Dato che faceva tanto freddo, anche il merlo maschio decise di ripararsi accanto alla famiglia. I primi giorni di Febbraio i merli uscirono dal loro nido ed anche il merlo maschio era diventato nero: da quel momento, si dice che tutti i merli nacquero neri.

Please follow and like us:

Biografia Luciana Pasqualetti

Luciana Pasqualetti
Fiorentina di nascita ma napoletana con il cuore. Appassionata di cucina, storie e racconti su Napoli. Entusiasta per tutto ciò che è antico, non disdegnando il nuovo. Ama la puntualità e non sopporta l'approssimazione.

Check Also

MANNAGGIO ‘O SANGO D’A CULONNA

Perché a Napoli si dice mannaggia ‘o sango d’a culonna o mannaggia ‘a culonna? A questa famosa colonna sono attribuiti diversi sognificati …