Libero Bovio, il caldo asfissiante e la voglia di non fare niente!

“Che sole, che sole,
che sole cucente!

E chi vò’ fá niente?
E chi pò fá niente?!”

Alzi la mano chi, in questi giorni di primo caldo intenso, non si ritrova perfettamente descritto in questi versi iniziali di una canzone del grande Libero Bovio!

Come abbiamo potuto tutti notare sulla nostra pelle – nel senso proprio letterale dell’espressione – è tornata l’estate, la stagione del sole e del mare. Di certo, per chi può trascorrerlo perennemente in qualche località balneare o in montagna, questo periodo dell’anno è magnifico, ma può dirsi lo stesso per tutti coloro che, per il lavoro o per gli esami universitari, sono costretti a rimanere in città?
Parliamoci chiaro, l’estate sa essere anche un vero e proprio inferno: temperature alle stelle che ottundono le capacità cognitive e motorie; sudore e annessi odori nauseanti nei bus e nei treni; e soprattutto, quell’immensa voglia di non fare nulla, ovvero quella fiacchezza che tipicamente sopraggiunge con il calore.

Chi scrive vi sta immaginando lì da qualche parte che cercate disperatamente refrigerio, magari in un bar, oppure a casa in mutande e con il condizionatore a palla. L’apatia regna sovrana e il desiderio di stendersi, a sera, su una bella panca a contemplare la luna lucente della stagione è l’unico motore che ci muove quasi per inerzia.

Pertanto, ilarità a parte, è pienamente calzante l’invito che vogliamo rivolgervi di leggere il testo del brano del quale si accennava all’inizio. Parliamo di Esta’ (Nun voglio fá niente), un componimento, come si diceva, dell’eccelso poeta Libero Bovio, risalente al 1913, con l’accompagnamento musicale elaborato da Valente. Forse non è la più bella poesia musicata che porta la firma di Bovio, tuttavia essa non manca di essere geniale. Del resto, il nome dell’autore, massimo esponente del periodo d’oro della canzone partenopea, è sempre una garanzia di alta qualità.

Ne riportiamo qui, allora, il testo integrale e, al contempo, vi esortiamo anche ad ascoltare le ottime e sagaci interpretazioni date da Peppe Servillo, in primis, oppure da Massimo Ranieri.

 

Che sole, che sole,
che sole cucente!
E chi vò’ fá niente?
E chi pò fá niente?!

Che bella canzone
ca sona ‘o pianino…
Mo ‘nzerro barcone

pe’ nun ‘a sentí…

Che bella figliola
ca passa po vico…
Mo ‘a chiammo e lle dico:
“Volete salí!?”

No, no,…cu stu sole,
stu sole cucente,
nun voglio fá niente…
Nun voglio fá niente!

Ma, dinta cuntrora,
che caldo se sente!…
E chi vò’ fá niente?
E chi pò fá niente?!

Mo piglio, mme spoglio,
mme ‘nfilo ‘into lietto,
mme leggo nu foglio,
mme metto a fumá…

Ma ‘a cámmera ‘e lietto
sta troppo luntano…
Cchiù meglio ‘o divano:
Nu passo e stó’ llá!…

Ma, dinta cuntrora,
che caldo se sente!…
Nun voglio fá niente!…
Nun voglio fá niente!

Che luna, che luna,
che luna lucente!
E chi vò’ fá niente?
E chi pò fá niente?…

Mo arrivo â Turretta,
po’ torno pa villa…
Va buó’, nun dá retta
mme scoccio ‘e vestí…

Che bella canzone
tenevo pe mmane…
mo veco, dimane,
si ‘a pòzzo ferní…

Pecché cu ‘sta luna,
‘sta luna lucente,
nun voglio fá niente…
Nun voglio fá niente!

Please follow and like us:

Biografia Angelo Potenza

Angelo Potenza
Nato a Potenza nel 1993. Dopo aver conseguito la maturità classica nella si è iscritto alla facoltà di Giurisprudenza della Università Federico II di Napoli, dove attualmente vive."La Storia, la scrittura e il mondo dell'informazione sono le mie passioni più grandi. E poi, naturalmente, c'è Napoli, insieme a tutta la nostra terra, a far da sfondo non solo agli occhi ma ad ogni pensiero."

Check Also

Nasceva oggi: Luigi Capuano, un figlio di Napoli dalla guerra a Sandokan in una sola vita

Dal 1904 al 1979: un percorso che ha visto cambiare il mondo. Nella storia e …