venerdì , 23 Agosto 2019

Il lieto fine per il coniglietto Dylan

Una volta ricevetti una telefonata da un’amica che esordì così <<Niky aiutami, ho trovato un coniglio con le orecchie spezzate>>, fortunatamente il piccolo era in perfetta salute, semplicemente apparteneva alla razza “ariete” caratterizzata, appunto da lunghe orecchie cadenti ai lati della testa e non erette.

La selezione di questi esemplari pare, ancora se ne sta accertando la reale origine, sia iniziata in francia (infatti spesso viene chiamato “bélier”, “ariete”) nel XIX secolo.

Contrariamente a quanto si pensi non esiste un’unica tipologia di ariete, ma è possibile ammirare quello francese, inglese e persino elefante… una cosa è certa, non fatevi ingannare dai negozianti: esiste il coniglio ariete nano, ma non significa che resti piccolo, ma che sia “nano” rispetto alla stazza di un ariete normale medio che si aggira tra i 3 ed i 5 kg, pertanto potrebbe tranquillamente superare i 1,5 kg.

Solitamente pare che, rispetto ad altre razze, siano più mansueti e docili, in realtà si tratta di un luogo comune, perchè, chi conosce i conigli, sa bene che ogni individuo è un mondo a se.

Come ogni animale “modificato geneticamente” e selezionato dall’essere umano risulta essere molto delicato, pertanto è fondamentale conoscerne la corretta gestione ed avere un veterinario di fiducia esperto in esotici e non convenzionali.

Dopo questa veloce infarinatura, la nostra amica Mary vi presenta Dylan, un simpatico “mezzo ariete” con il quale il destino sembrava non essere stato buono…

<<Dylan è stato abbandonato in uno scatolo nei pressi della periferia nord di Napoli insieme ad altri due coniglietti più piccoli. I due piccini sono purtroppo morti. Appena ho letto questa richiesta d’aiuto in un gruppo sono andata a recuperarlo prima che fosse troppo tardi e senza pensarci due volte, nonostante i vari impegni che non mi permettono di potermi occupare di recuperi. Molti si sono ripromessi di aiutare, ma in realtà ben pochi han teso la mano con aiuti e disponibilità concreti.
Il piccolo inizialmente era impaurito e cercava di aggredire appena mi avvicinavo. Tuttavia, è bastato davvero poco per conquistare la sua fiducia!


Adesso mangia correttamente (anche se deve imparare a mangiare molto più fieno) ed è un giocherellone. Il suo forte sono le corse con le orecchie al vento.
La storia di Dylan non è molto differente (purtroppo) da quella di molti altri coniglietti. Probabilmente Dylan è stato un regalo di Pasqua che, dopo l’euforia iniziale, non hanno più gradito (soprattutto in vista dell’Estate alle porte). Ancora più probabile è che i due piccini che non ce l’han fatta, erano i suoi figli.
L’appello è – aiutare questi piccolini sacrificandosi un pochino (a prescindere dal loro aspetto estetico); – non comprare vite, né acquistare cibo, accessori, ecc, nei negozi che vendono gli amici a 2 e 4 zampe e – adottare.

Dylan, ora castrato, non solo ha trovato una famiglia ed una casa tutta per lui, ma anche una splendida compagna di vita.

Come lui ce ne sono tanti, ognuno bello a suo modo, quindi cosa aspettate, date una possibilità ad un piccolo meno fortunato.

Per informazioni ed adozioni contattare mary@mondocarota.it >>

Please follow and like us:

Biografia Nicoletta Gammieri

Nicoletta Gammieri
Nasce a Napoli il 29 agosto 1984, frequenta l'Università di Medicina Veterinaria, ma la lascia per seguire nel 2006 la sua vera strada “gli Interventi Assistiti con gli Animali”diventando coadiutore del gatto e del coniglio, del cane e dell'asino. Si Forma come Educatrice Cinofila. Partecipa a numerosi progetti in strutture socio-sanitarie: Scuole, Carceri, Ospedali, Case Famiglia. A gennaio 2014 apre un negozio di Mangimi ed Accessori per gli Animali, Il Bianconiglio (totalmente contrario alla vendita di animali).

Check Also

La lotta alle Zoomafie della LAV

In questi giorni è stato pubblicato il Rapporto sulle Zoomafie della Lega Anti Vivisezione, ma …