Strade di Napoli:Vico dei Cortellari e la leggenda dei Maccheroni

Nel quartiere Pendino, nello scomparso Vico dei Cortellari, la leggenda racconta che vi fosse un palazzo nel quale dimorava un terribile mago. La gente del luogo, aveva addirittura paura nel passarvi davanti. Il mago era visto spesso alla finestra ad armeggiare con dei contenitori dallo strano contenuto rosso. Vi fu una donna, Jovannella de Canzio, che abitava nei pressi della dimora, che fu più coraggiosa di tutti i suoi vicini. Infatti incominciò a indagare su quale fossero le segrete attività del negromante, che tutti nominavano Chico. Scoprì che non si trattava di un uomo dedito alla magia, ma in realtà di un geniale cuoco. Visto che Jovannella e suo marito erano sguatteri nella cucina del Re, essa ebbe la curiosità di osservare le ricette dell’uomo. Chico prendeva un miscuglio di acqua e polvere ricavata dal grano, lo lavorava, ne faceva una sfoglia sottile che poi bolliva in un grosso recipiente, accompagnato da carne e da alcuni ortaggi che in città erano utilizzati dai saltimbanchi, per il gioco delle bocce: i pomodori! Dopo aver carpito questo segreto, la donna modificò leggermente la ricetta, aggiungendo all’insolito piatto, cipolla e strutto di porco. La pietanza divenne talmente famosa, che si decise di farla assaggiare allo stesso Federico II.

Ritratto Federico II

Il sovrano, avendo molto apprezzato, richiamò marito e moglie a corte per farsi spiegare il mistero di una tale bontà. Jovannella, per coprire il proprio segreto, raccontò un’originale storia, nella quale un angelo,mandatole in sogno, le avrebbe svelato la ricetta e suggerito di farla assaggiare al re. Federico II fece la fortuna dei due novelli cuochi, purtroppo non possiamo dire lo stesso dell’ingenuo mago Chico e del povero cuoco di corte, improvvisamente declassato. In realtà, l’origine dei maccheroni fu probabilmente molto più antica, risalente al Medioevo.

Mangiatore di Pasta di Luca Giordano

Il termine maccherone, deriverebbe dalla parola latina “maccare“, riportando al nostro immaginario la forma di uno gnocco, più che quella classica cilindrica che conosciamo. La prima vera pasta essiccata è di origine siciliana e porta come condimento miele e zucchero. La modifica salata è probabilmente risalente al 700, quando il popolo napoletano si trasformò da mangiafoglie, in quanto consumatore di insalata,frutta e brodo, a mangia maccheroni.

Please follow and like us:

Biografia Carmelita de Santis

Carmelita de Santis
"Eravamo quattro amici al bar che volevano cambiare il mondo" così è iniziata l’avventura di Senzalinea. Tra i quattro amici, sfortunatamente, ci sono anch'io e le idee peggiori di questa pagina vengono da me. Amo e odio la mia città, mi appassiona la sua storia e le sue tradizioni.

Check Also

Strade di Napoli: Padre Rocco e il Re dei pezzenti

Nel Quartiere Mercato vi è una strada che ricorda la singolare figura di un religioso …