Snapping turtle, Chelydra serpentina, Maryland, feeding on surface Date:

Tartaruga Azzannatrice a spasso per Collegno

Nell’immaginario comune, quando si parla di tartarughe si visualizza sempre un ibrido tra ET ed un essere saggio e pigro; invece ci sono talmente tante razze completamente differenti sia per estetica che abitudine tra loro che sembrerebbe impossibile conoscerle tutte.

Ormai le razze classificate come più rare e soprattutto meno “domestiche” e pericolose sono soggette ad uno spietato commercio illegale che va a danno sia della fauna e della flora autoctona che delle persone, ma soprattutto di quel soggetto stesso.

La dimostrazione di quanto detto è ciò che è avvenuto settimana scorsa in Piemonte, dove girovagava per le strade di Collegno una Chelydra Serpentina, più comunemente conosciuta come “tartaruga azzannatrice”, prontamente segnalata all’Università di Veterinaria di Grugliasco che a sua volta ha allertato i Carabinieri Forestali di Torino per trovare una nuova ubicazione più idonea alla tartaruga.

La bestiola è stata presa in carico dal Centro Animali non Convenionali di Grugliasco; il CANC ha postato su Facebook queste parole: “Li detengono illegalmente, poi si stufano e li abbandonano in giro…senza dubbio questa è la triste storia di questa bella Tartaruga azzannatrice (Chelydra serpentina) trovata stanotte vagante e portata qui al CANC. In base al Decreto del Ministero dell’Ambiente del 1996, questo animale è in elenco tra le specie pericolose per l’incolumità pubblica e quindi il commercio e la detenzione da privati è vietata…

Purtroppo negli ultimi anni in tutta Italia sono stati rinvenuti esemplari di tartarughe il cui commercio è illegale in parchi, fontane, o più semplicemente in strada; difatti è divenuta prassi acquistarli inconsapevoli delle esigenze e complici di un illecito per poi trovarsi animali ingestibili, malati o semplicemente troppo grandi per il terrario o l’acquario di casa.

Ricordiamo che la “tartaruga azzannatrice”, insieme a quella alligatore è tra quelle di maggiori dimensioni di acqua dolce, infatti può arrivare a raggiungere la grandezza massima in casi record di più di 30 kg e la lunghezza di quasi 50 cm.

Ha dei muscoli del collo sviluppatissimi che consentono di sferrare morsi repentini proprio come i serpenti, dai quali, appunto prende il nome di “serpentina”.

Si tratta di un rettile tipico del Nord America, dove in acque stagnanti e melmose si nasconde per afferrare pesci, uccelli, piccoli mammiferi, crostacei, piante e carogne.

I soggetti divengono ancor più aggressivi quando fuori dall’acqua dove non si sentono al sicuro e si vedono costretti ad attaccare per non apparire vulnerabili.

Possono essere animali longevi, alcuni esemplari in cattività hanno superato abbondantemente i 40 anni.

È difficile anche “reggere” idoneamente e soprattutto incolumemente questi esemplari: infatti pur reggendoli ai lati, potreste beccarvi un morso, visto il lungo e flessibile collo; ed il rischio graffi e lacerazioni è alto per i lunghi artigli su tutte e quattro le zampe. Inoltre essendo troppo grande per ritrarre la testa nel guscio, come la tartaruga alligatore ha sviluppato il famoso “morso a scatto” di cui parlavamo prima.

Nel caso vi assalisse ancora l’irrefrenabile, stupida, voglia di alimentare il commercio illegale di Chelydra Serpentina, sappiate che la detenzione di un esemplare è punita con l’arresto fino a 3 mesi e con l’ammenda da 7.746 a 103.291 euro.

Please follow and like us:

Biografia Nicoletta Gammieri

Nasce a Napoli il 29 agosto 1984, frequenta l'Università di Medicina Veterinaria, ma la lascia per seguire nel 2006 la sua vera strada “gli Interventi Assistiti con gli Animali”diventando coadiutore del gatto e del coniglio, del cane e dell'asino. Si Forma come Educatrice Cinofila. Partecipa a numerosi progetti in strutture socio-sanitarie: Scuole, Carceri, Ospedali, Case Famiglia. A gennaio 2014 apre un negozio di Mangimi ed Accessori per gli Animali, Il Bianconiglio (totalmente contrario alla vendita di animali).

Check Also

Parlamento Europeo verso la fine degli allevamenti in gabbia dopo “End the Cage Age”

Il 10 giugno il Parlamento Europeo ha invitato la commissione a presentare una proposta per …